Il risparmio gestito spinge gli utili di CheBanca!

Buone notizie per CheBanca!, la società del gruppo Mediobanca, che ha annunciato di aver chiuso il trimestre con ricavi e utili in crescita rispetto a quanto non fosse stato verificabile nello stesso periodo dello scorso anno.

Stando a quanto afferma l’istituto di credito in un comunicato, infatti, il margine di intermediazione è stato pari a 83 milioni di euro, contro i 77,1 milioni di euro del 2019, con un conseguente balzo in avanti del 7,7%. Il risultato netto è stato pari a 9,2 milioni di euro, più alto dell’8,2% rispetto agli 8,5 milioni di euro conseguiti alla fine del mese di settembre del 2019.

Per quanto concerne le masse, l’istituto di credito del gruppo Mediobanca sottolinea asset finanziari gestiti per 28,691 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 25,845 miliardi di euro dell’anno precedente. L’asset sotto gestione passa da 8,440 miliardi di euro dello scorso anno agli attuali 10,029 miliardi di euro, mentre le masse amministrate sono cresciute da 2,629 miliardi di euro a 2,916 miliardi di euro. Bene anche l’evoluzione dei depositi, che salgono a 15,746 miliardi di euro, contro i 14,776 miliardi di euro di un anno fa.

Ancora, il comunicato precisa come la raccolta totale netta delle reti sia stata pari a 818 milioni di euro nel trimestre luglio – settembre, più che raddoppiata rispetto ai 290 milioni di euro del 2019. Nel periodo sono stati erogati mutui per un totale di 416 milioni di euro, contro i 556 milioni di euro dell’anno precedente, mentre gli impieghi sono cresciuti a 10,382 miliardi di euro, contro i 9,459 miliardi di euro di un anno fa.

I ricavi sono cresciuti del 7,7% grazie all’apporto commissionale, che migliora del 22% anno su anno da 22,3 a 27,2 milioni di euro, e grazie al contributo positivo del margine di interesse, che sale dell’1,6%, da 54,6 a 55 milioni di euro.

Sul fronte dei costi, salgono quelli di struttura, del 5%, da 60,4 a 63,4 milioni di euro, soprattutto per il peso dei costi del personale, che salgono di 2,2 milioni di euro, da 28,2 a 30,4 milioni di euro. Le spese di natura amministrativa sono in crescita del 2,5% per 0,8 milioni di euro, da 32,2 a 33 milioni di euro. Tra gli altri dati di maggiore rilievo, sottolineiamo come le rettifiche su crediti siano aumentate di 1,8 milioni, da 4,2 a 6,0 milioni di euro.

Ancora, al 30 settembre risultano essere concesse moratorie per 646 milioni di euro contro i 601 milioni di euro del 30 giugno. Nel trimestre in esame, poi, sono giunte a scadenza un totale di 118 milioni di euro di moratorie, e di queste l’85% ha ripreso regolarmente i pagamenti. Per quanto riguarda invece l’erogazione di linee di credito che sono previste dal Decreto Liquidità, sono stati concessi finanziamenti per 10 milioni di euro, di cui 9 milioni di euro assistiti dalla garanzia al 100% rilasciata dal Fondo di garanzia per le PMI.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Risparmio Gestito

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.