chart trading e ciclo delle stagioni
I pattern stagionali nel trading sulle azioni - Borsainside

Tempo fa un nostro lettore ha chiesto se è possibile sfruttare la stagionalità nel trading e, in caso affermativo, quali sono i migliori strumenti per riuscire a farlo. La domanda non mi ha sorpreso più di tanto: come tutto quello che riguarda la sfera umana, anche il mercato è caratterizzato da una sua stagionalità. Ovviamente non basta prendere atto di questa caratteristica per riuscire a tradurla in profitto. E’ necessario, infatti, individuare quali siano gli strumenti più idonei per intercettare la stagionalità e quindi usarla a proprio vantaggio.

L’argomento di questo post è, appunto, la stagionalità nel trading e i metodi per interpretarla. Poichè quando si parla di mercati, il riferimento è troppo vasto, allora sorge immediatamente la necessità di circoscrivere il discorso. La stagionalità cui farò riferimento in questa giuda è quella del mercato azionario.

Correggo quindi la domanda iniziale con un più specifico: come conoscere e sfruttare la stagionalità del mercato azionario.

Stagionalità nel trading: non solo lungo termine

Parlare di stagionalità nel trading induce subito a pensare a lungo termine. E’ una questione di logica (apparentemente). Poichè i cicli possono essere isolati solo sul lungo termine allora ecco che la stagionalità può essere sfruttata solo per il trading di lungo periodo. Ovviamente tutto questo è vero ma, contrariamente a quello che si può pensare, anche se operi nel breve termine puoi sfruttare cicli e stagionalità.

La questione della stagionalità del mercato azionario deve interessati anche se hai un approccio esclusivamente speculativo su un titolo. Quindi non solo se sei un trader a lungo termine ma anche se operi sul breve termine puoi sfruttare la stagionalità per trarre profitto.

Prima di approfondire come interpretare la stagionalità nel trading azionario, ti suggerisco di aprire un conto demo su un broker affidabile e sicuro come ad esempio eToro. Il conto demo ti sarà molto utile per avere subito un riscontro pratico da quello che esporrò teoricamente. In altri termini per capire cosa è la stagionalità nel trading e come usarla, può esserti molto di aiuto simulare operazioni di trading sulle azioni. Con eToro potrai farlo senza problemi poichè la demo è gratuita.

–APRI UN CONTO DEME ETORO (SITO UFFICIALE)>>

Pattern stagionali sui mercati azionari 

Sono alcuni studi ad aver accertato che la maggior parte del denaro sul mercato azionario viene prodotta nell’intervallo di tempo tra l’1 novembre e il 30 aprile. Viceversa nell’intervallo di tempo tra l’1 maggio e il 31 ottobre, genera poco denaro. Il primo periodo viene solitamente definito inverno azionario mentre il secondo periodo è l’estate. Questa contrapposizione interno/estate ha davvero senso o invece, come affermano alcuni traders più scettici, è solo frutto della fantasia e di una leggenda?

Sul mercato azionario americano tutti conoscono la contrapposizione tra l’estate e l’inverno e la maggior parte dei traders crede fortemente al fatto che, in virtà del discorso sulla stagionalità l’estate vada evitata.

Del resto tutte le azioni umane hanno una ciclicità e una stagionalità e nel periodo estivo tutto tende allentarsi, compreso il mercato azionario. 

Quella che secondo alcuni è solo una leggenda, ossia la contrapposizione tra inverno e estate, ha trovato conferma in uno studio statistico che è stato redatto da due professori dell’Università di Massey.

Tale studio è stato poi riportato in due articoli titolati: Indicatore Halloween: Ovunque e sempre e Le stagionali mensili sono reali? Una prospettiva su tre secoli. L’analisi è stata condotta su 108 paesi passando in osservazione ben 319 anni. La vastità del campione usato per condurre lo studio è garanzia di massima accuratezza. 

Lo studio ha dimostrato come la contrapposizione tra estate e inverno non sia una leggenda dei traders ma sia la realtà. Morale dell’analisi: la stagionalità del mercato azionario è un fatto reale.

Nell’elenco seguente sono riportati i rendimenti medi che il mercato azionario ha registrato mese dopo mese:

  • Gennaio: 0,69
  • Febbraio: 0,09
  • Marzo: -0,03
  • Aprile: 0,49
  • Maggio: 0,02
  • Giugno: -0,12
  • Luglio: -0,31
  • Agosto: 0,44
  • Settembre: -0,49
  • Ottobre: -0,5
  • Novembre: 0,35
  • Dicembre: 0,81

Nell’elenco seguente invece sono riportati i rendimenti medi che il mercato azionario ha registrato nelle due macro stagioni:

  • Inverno: 2,45
  • Estate: 0,96

Come puoi vedere da solo la stagionalità nel trading esiste perchè tra i rendimenti dell’inverno e quelli dell’estate c’è una differenza di ben 3,38. 

Analizzando i rendimenti relativi ad ogni singolo mese puoi avere tanti altri pattern stagionali da usare per impostare la tua strategia operativa

Se vuoi investire in borsa attraverso il CFD Trading considera che, per il criterio della stagionalità, gennaio e febbraio sono i mesi più redditizi dell’anno. Viceversa i mesi di settembre e ottobre sono invece i peggiori.

Ti invito a notare come la prova che la stagionalità sul mercato azionario esiste è rappresentata dal fatto che l’inverno è più redditizio dell’estate. Attenzione perchè questo è un pattern ossia una tendenza e quindi non puoi mai dare per scontato che ogni estate sarà migliore dell’inverno. Nei 316 anni esaminati dalla citata ricerca, sicuramente ci saranno stati momenti in cui la tendenza non è stata valida. Insomma i valori anomali rispetto alla regola della stagionalità esistono ma i pattern stagionali possono dire tanto e ti possono offrire un valido aiuto nella definizione della tua strategia trading. 

Se vuoi testare i pattern stagionali sulla tua strategia trading, puoi aprire un conto demo e investire in azioni attraverso i CFD. La demo ti offre la possibilità di operare senza correre il rischio di perdere denaro reale. Per tale motivo questo strumento può esserti di sicuro aiuto per imparare a conoscere e quindi usare a tuo vantaggio, la marginalità del trading.

Alla luce di quanto fin qui detto, come possono tornare utili le indicazioni in merito alla stagionalità del mercato azionario. Se sei solito investire al rialzo, ossia scommettere su un apprezzamento dei titoli che detieni in portafoglio, allora potresti fare trading in tutti quei mesi che sono caratterizzati da un rendimento medio più alto. 

Per scegliere i mesi in cui fare trading sulle azioni attraverso i CFD ti basta guardare l’elenco che ho riportato sopra. I mesi che garantiscono il rendimento medio più alto sono dicembre, aprile e gennaio. 

Se invece sei un investitore che specula al ribasso (e, in tal caso, ti ricordo che il CFD Trading è uno dei pochi investimenti che ti permette di guadagnare anche con il calo del prezzo dell’asset) allora i mesi ideali per fare trading sono luglio, settembre e ottobre. 

Questa è la regola generale sui pattern stagionali. Come ho già detto in precedenza si tratta di una tendenza e non di un postulato. Certamente però conoscere la stagionalità del trading sulle azioni è utile per definire una strategie operativa più complessa. Quello che voglio dire è che conoscendo come funzionano e come sfruttare i pattern stagionali avrai una marcia in più per operare. 

E a proposito di operatività, visto che stiamo parlando di azioni, raccomandiamo quelli che, dal nostro punto di vista, sono i due broker più specializzati a riguardo:

eToro small
  • eToro: consente di comprare azioni frazionate e di fare trading su tantissimi mercati attraverso i CFD senza il possesso del sottostante. eToro è celebre per il servizio di copy trading con il quale si possono replicare le strategie dei traders più bravi. Decisamente basso il deposito minimo iniziale che viene chiesto per operare: solo 50 dollari.

Grazie al conto demo eToro da $100.000 puoi iniziare ad esercitarti gratis per incrementare le tue capacità operative più informazioni sul sito eToro <

azioni FinecoBank
  • FinecoBank: permette di fare trading con i CFD su tantissimi asset azionari ma consente anche di operare con l’esclusivo strumento dei Super CFD. Molto particolare il piano commissionale con i costi che calano all’aumentare dell’attività di trading. Con Fineco, inoltre, niente rogne fiscali perchè, in quanto banca italiana, agisce da sostituto di imposta per i clienti che hanno la residenza in Italia.

Per fare trading usa la piattaforma NR in ItaliaMaggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.