Consulente finanziario indipendente: chi è, cosa fa e come opera. Le alternative

Tutti i vantaggi del consulente finanziario indipendente - BorsaInside

Negli ultimi tempi si sta facendo sempre più largo nel mondo degli investimenti la figura del consulente finanziario indipendente in aperta antitesi al consulente finanziario classico che invece fa riferimento ad una specifica banca o società di gestione del risparmio. Molto spesso, però, la stessa denominazione di consulente finanziario indipendente è abusata nel senso che la tanto sbandierata “indipendenza” è solo nella forma e non nella sostanza. Eppure, in materia di consulenza finanziaria, le legge è molto chiara sui requisiti che le figure dei consulenti devono avere per potere essere ritenute indipendenti.

Dietro al boom della consulenza indipendente c’è una preciso cambio di prospettiva da parte degli stessi investitori i quali sono i primi, già da anni, ad aver “chiesto” al mercato un cambio di rotta sulla consulenza. Grazie anche allo sviluppo di internet e allo scambio di opinioni e valutazioni tra gli stessi investitori (in tal senso si può pensare al boom del social trading grazie a piattaforme come eToro), in tanti hanno preso atto della scarsa convenienza dei classici consulenti finanziari. I motivi di questo cambio di opinione su una figura cardine del mondo finanziario in Italia sono stati essenzialmente due: la presenza di costi aggiuntivi per pagare la consulenza e la materia della consulenza stessa spesso decisamente di parte.

Non solo ma, sempre grazie allo scambio di idee, oggi c’è più consapevolezza nel fatto che anche laddove non c’è un costo per la consulenza, il professionista tende sempre a piazzare i prodotti più spinti dalla sua banca. Quest’ultimo passaggio è evidentissimo nella netta preferenza che i consulenti finanziari classici hanno verso il fondi comuni a gestione attiva a discapito degli ETF che replicano indici precisi e non possono quindi fare gli interessi dalla banca (scopri la selezione di ETF su Fineco, la piattaforma NR 1 in Italia).

Chi è il consulente finanziario indipendente

Prima domanda di questa guida non può che riguardare le definizioni: chi è il consulente finanziario indipendente? Ricorrendo ad un gioco di parole si può iniziare affermando che il consulente finanziario in generale è colui il quale offre servizi di consulenza così come specificato dalla normativa vigente.

Chi volesse approfondire questo tema può fare riferimento ai siti giuridici. Nostro obiettivo è invece chiarire chi sia, nell’ambito dell’ecosistema consulenza finanziaria, il consulente indipendente.

Definiamo il tutto con parole semplici in modo tale da aiutare tutti nella comprensione. Il consulente finanziario indipendente è un professionista del settore finanziario che offre consigli e servizi finanziari a clienti senza essere legato o influenzato da specifici prodotti o servizi di una particolare società finanziaria. La chiave della “indipendenza” sta nel fatto che tali consulenti dovrebbero fornire raccomandazioni basate esclusivamente sugli interessi e sulle esigenze finanziarie del cliente, senza vincoli o conflitti di interesse legati a commissioni o incentivi da parte di specifici prodotti finanziari o istituti finanziari.

I consulenti finanziari indipendenti possono lavorare in modo autonomo, in studi indipendenti, o possono essere affiliati a piattaforme di consulenza finanziaria indipendente. La legislazione italiana prevede che che essi siano autorizzati e regolamentati dalle autorità finanziarie competenti al fine di garantire il rispetto di standard etici e professionali.

Insomma, con tutto il rispetto per loro, questa figura non ha nulla a che fare con i consulenti che lavorano per una banca specifica ma non ha neppure niente a che fare con le tante sponsorizzate che spesso si vedono suoi social e che enfatizzano una indipendenza che c’è solo a parole. Questi ultimi, il più delle volte, sono solo ciarlatani da lasciar perdere.

Questi consulenti offrono una vasta gamma di servizi, inclusi la pianificazione finanziaria, la gestione degli investimenti, la pianificazione pensionistica, la pianificazione successoria e altro ancora. La loro indipendenza dovrebbe assicurare che le raccomandazioni siano personalizzate per le esigenze specifiche del cliente e non influenzate da obblighi verso società o prodotti specifici.

Regolamentazione consulenti finanziari indipendenti: i requisiti necessari

Essendo il settore della consulenza finanziaria indipendente regolato da una rigida normativa (al fine di evitare conflitti di interesse) vale la pena dedicare un paragrafo in più al tema dei requisiti.

Le autorità finanziarie competenti svolgono un ruolo chiave nel regolare l’operato dei consulenti finanziari indipendenti. Tali regole assicurano che i consulenti siano autorizzati e rispettino standard specifici, garantendo così un alto livello di competenza e affidabilità.

La natura indipendente di questi consulenti implica un’assenza di vincoli legati a commissioni o incentivi da parte di specifici prodotti finanziari o istituti finanziari. Questo meccanismo assicura che le raccomandazioni fornite siano orientate esclusivamente agli interessi e alle esigenze finanziarie del cliente.

La diversità delle modalità di lavoro dei consulenti finanziari indipendenti, che possono operare autonomamente, in studi indipendenti o essere affiliati a piattaforme di consulenza finanziaria indipendente, sottolinea la flessibilità di questo approccio. Ciò consente ai consulenti di adattarsi alle esigenze specifiche dei clienti e offrire soluzioni personalizzate.

Cosa fa e come opera il consulente finanziario indipendente

Dopo aver chiarito cosa si intente per consulente finanziario indipendente, passiamo ora all’aspetto più pratico: cosa è che fa questo professionista? come opera?

Tecnicamente egli aiuta aiutare i suoi clienti a gestire e ottimizzare le loro questioni finanziarie. I servizi offerti spaziano dalla pianificazione finanziaria alla gestione degli investimenti, dalla pianificazione pensionistica alla successione patrimoniale. Il requisito di indipedenza della loro attività è progettata per garantire che le raccomandazioni siano orientate al massimo beneficio del cliente, senza alcuna influenza esterna.

Praticamente le attività svolte da un consulente finanziario indipendente sono tantissime e dipendono anche dal mandato che è stato stipulato con lo specifico cliente. Almeno 4 le operazioni più importanti che un consulente finanziario può effettuare per conto del suo cliente:

  • Valutazione delle esigenze finanziarie del cliente: il consulente inizia la sua attività comprendendo le esigenze finanziarie, gli obiettivi e la situazione attuale del suo cliente. La valutazione può includere la pianificazione pensionistica, la gestione degli investimenti, la pianificazione successoria, la gestione del debito e altro ancora.
  • Pianificazione finanziaria: alla luce di quelle che sono state le informazioni raccolte, il consulente finanziario sviluppa un piano finanziario personalizzato. Questo plan può comprendere strategie per il risparmio, la gestione del reddito, l’allocazione degli investimenti e la copertura assicurativa.
  • Gestione degli investimenti: l’attività più importante del consulente finanziario indipendente è l’aiuto nella selezione degli investimenti che meglio si adattano agli obiettivi finanziari del singolo cliente tendendo conto di quello che è il livello di rischio che quest’ultimo può assumere. Anche nella gestione degli investimenti rientra un pò di tutto dalla diversificazione del portafoglio, fino alla selezione di azioni, obbligazioni e altri strumenti finanziari.
  • Monitoraggio e aggiornamento: avviato l’investimento, il consulente segue costantemente l’evoluzione della situazione finanziaria. Periodicamente, vengono effettuate revisioni del piano finanziario per adattarlo a eventuali cambiamenti nelle esigenze del cliente, nei mercati finanziari o nella legislazione fiscale.

Queste sono le 4 attività che ogni consulente finanziario indipendente fa. Diciamo che esse caratterizzano la sua stessa funzione. Su richiesta ce ne sono poi altre secondario ma che comunque rientrano nelle competenze di questo professionista:

  • Pianificazione pensionistica: se necessario, il consulente assiste il cliente nella pianificazione per la pensione, aiutandolo a stabilire obiettivi pensionistici, valutare opzioni di investimento e pianificare la fase post-lavorativa.
  • Pianificazione successoria: Il consulente può anche fornire consulenza sulla pianificazione successoria, assistendo il cliente nell’organizzazione della distribuzione del patrimonio in modo efficiente e coerente con i loro desideri.
  • Consulenza fiscale: in molte situazioni, i consulenti finanziari indipendenti forniscono consulenza fiscale per aiutare i clienti a massimizzare l’efficienza fiscale nelle loro decisioni finanziarie evitando, ad esempio, che eventuali profitti siano mangiati dalle tasse.

E per finire, ma questo punto va decisamente oltre, un consulente può anche svolgere aun ruolo educativo, aiutando i clienti a comprendere meglio i principi finanziari e le decisioni che stanno prendendo con l’obiettivo di stimolare la loro preparazione.

Consulente finanziario Fineco: come richiederlo e perchè può servirti

consulente finanziario Fineco
Passaggi per attivare il consulente finanziario Fineco – BorsaInside

Lo diciamo subito chiaro e tondo: i broker nella totalità dei casi non offrono un servizio di consulenza finanziaria indipendente. C’è l’assistenza clienti (più o meno efficiente) ma questa è un’altra cosa.

Ad offre la possibilità di avere un consulente finanziario è invece la banca con la piattaforma trading NR 1 in Italia: Fineco.

In Italia tutti conoscono Fineco sia per la serietà della società che per i servizi offerti. Fineco è banking ma è anche trading con la possibilità di investire su tantissimi mercati (c’è proprio di tutto).

Il consulente finanziario Fineco è uno dei cardini della proposta della banca, è del tutto gratuito ed è utilissimo sia per la gestione degli investimenti che per la costruzione della propria pensione futura. Non è però obbligatorio, nel senso che, chi fosse interessato solo ad investire, si può aprire il suo conto 100% trading (senza banking) a zero costi fissi e zero canone mensile ed operare.

Chi volesse beneficiare della consulenza gratuita dovrà eseguire una semplice procedura on line che attraverso la quale si può attivare l’assistenza di un Personal Financial Advisor in completa autonomia e in 4 semplici passi

  • Apertura del conto Fineco (basta cliccare qui)
  • Accedere all’area riservata del conto Fineco e cliccare su “Consulenza e investimenti
  • Inserire il codice consulente che eventuale si è scelto e confermare con pin dispositivo
  • Confermare la presa visione della dichiarazione abilitativa e della consegna dei documenti

I vantaggi del consulente finanziario Fineco sono:

  • possibilità di avere una gestione efficiente dei risparmi
  • aggiornamenti su eventuali modifiche
  • costruzione di portafogli di investimento monitorati
  • costruzione di PAC (con Fineco abbiamo il piano Reply)
  • pianificazione successoria
  • pianificazione pensionistica e fiscale

Richiedere un consulente finanziario Fineco se si è clienti non comporta alcuna modifica delle condizioni in essere.

>>RICHIEDI GRATIS IL CONSULENTE FINANZIARIO FINECO>>

Alternativa al consulente finanziario indipendente: il copy trading eToro

eToro logo piccolo2

Visto che in precedenza abbiamo citato il social trading di eToro affermando che esso può essere ritenuto una alternativa al consulente finanziario indipendente, vale la pena spendere due parole sul tema anche per completezza di informazione.

Mettiamo subito ben in chiaro un concetto: come tutti i broker, eToro non offre un servizio di consulenza finanziaria personalizzata. Ci sono il servizio di assistenza e le analisi redatte dal team di analisti, ma questa non è consulenza finanziaria di alcun tipo).

eToro (qui la recensione) offre però una grande alternativa alla consulenza: il copy trading. Si tratta di una funzionalità che consente agli utenti di replicare automaticamente le negoziazioni di investitori esperti e di successo, noti come Popular Investors, in tempo reale. Si tratta di trader esperti che hanno dimostrato di avere un track record positivo nelle loro attività di trading su eToro. Ogni utente può selezionare gli investitori popolari di loro interesse e copiare automaticamente le sue negoziazioni. Quando un Popular Investor esegue un trade, lo stesso trade viene replicato proporzionalmente nel conto dell’utente che ha attivato la funzione di copy trading, fermo restando che comunque si mantiene sempre il controllo totale sul proprio account e quindi c’è sempre la possibilità di interrompere il copy trading.

Per testare il copy trading si può usare la demo gratuita da 100.000 euro che il broker eToro mette sempre a disposizione.

–SCOPRI LA SAGGEZZA DEI TRADER CON IL COPY TRADING ETORO>>

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading