Cigno nero sui mercati. La drammatica diffusione del coronavirus in Italia ha gettato nel panico gli investitori di tutto il mondo. In considerazione anche del dato di chiusura della borsa di Tokyo, con il Nikkei che ha chiuso la prima di Ottava in ribasso di oltre il 5 per cento, tutte le previsioni convergono verso un avvio disastroso delle borse europee, a partire da Borsa Italiana. 

Le indicazioni dei futures sui principali indici europei sono chiarissime: i mercati oggi 9 marzo potrebbero aprire con tracolli molto forti e compresi tra il 5 e il 6 per cento. Un vero e proprio disastro, quindi, si prospetta in avvio di scambi. Tra l’altro, per tutto il pomeriggio di ieri si era parlato di una possibile chiusura di Borsa Italiana a causa proprio dell’emergenza coronavirus. Il dilagare dell’epidemia in tutto il Nord Italia aveva spinto molti analisti ad ipozzizzare uno stop di piazza affari. In serata, però, tutto è stato smentito e Borsa Italiana oggi sarà regolamente aperta

Per aggiornamenti sull’andamento di piazza affari, leggi: Ftse Mib si sbriciola: azioni non fanno prezzo, Eni, Saipem e Tenaris le peggiori

A lasciar intendere che i mercati oggi non abbiano alcuno scampo sono anche le indicazioni provenienti dal prezzo del greggio. La quotazione petrolio è infatti crollata fino a 30 dollari al barile, il 27 per cento in meno rispetto a venerdì. Il tracollo delle quotazioni petrolifere è il segnale più evidente della consapevolezza che l’economia mondiale stia andando incontro ad una fortissima recessione

A scatanare il sell-off sul greggio è stato anche l’esito disastroso della riunione tra paesi Opec e non Opec che si è tenuta a Vienna. Le parti non hanno raggiunto alcun accordo sui tagli all’offerta. In particolare la Russia ha respinto la proposta dell’Opec di tagliare l’offerta di altri 1,5 milioni di barili al giorno, a partire dal mese di aprire e fino alla fine del 2020. I sauditi, dinanzi allo stop russo, hanno reagito varando sconti massicci sui prezzi di vendita ufficiali del proprio petrolio. Tutto questo ha ovviamente scatenato una forte avversione al rischio sui mercati con gli investitori che sono consapevoli che le tensioni tra i paesi produttori stanno portando dritti dritti verso una guerra dei prezzi. 

LEGGI ANCHE – Crollo prezzo petrolio: come investire al ribasso

Come spesso avviene in questi casi, al crollo del prezzo del petrolio è corrisposto un rally delle quotazioni dell’oro. Il prezzo del gold è infatti arrivato ai massimi da 7 anni. E’ quindi evidente che ci sia una corsa verso i beni rifugio. Tale corsa riguarda ovviamente anche il Franco Svizzero e lo Yen, le due valute più sicure sul Forex. Non c’è invece nessuna corsa verso il Bitcoin le cui quotazioni sono anzi crollate a picco. Il prezzo del BTC nel corso della notta è sceso sotto quota 8000 dollari. 

Almeno per ora, le analisi che parlavo del Bitcoin come valuta rifugio, si stanno rivelando inesatte: Valore Bitcoin bene rifugio contro i cigni neri del coronavirus?

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.