Borse oggi, investire nel settore auto conviene?

auto

Il settore auto dovrebbe calare lievemente nel 2018: ma come è andato il 2017 per i big?

CONDIVIDI

I primi dati dell’anno sul settore auto (ma, ovviamente, relativi all’esercizio precedente) hanno fornito indicazioni miste sull’evoluzione delle immatricolazioni.

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

Conosci il Social Trading eToro ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare le loro operazioni di trading. Conto demo Gratuito da 100.000€ Clicca qui

FCA fa peggio del mercato

Nel nostro Paese le vendite nuove vetture hanno segnato a dicembre una diminuzione contraddistinta da singola cifra, con Fiat Chrysler (FCA) che ha fatto peggio del mercato (ma non pare averne risentito in Borsa, anzi). Secondo i dati del Ministero dei Trasporti, nel mese di dicembre sono infatti state immatricolate 121.100 autovetture, con un calo del 3,17% rispetto a dicembre 2016, mentre il Gruppo FCA ha registrato una diminuzione del 13,8% a 32.074 unità, con una quota di mercato al 26,49% rispetto a 25,25% di novembre.

Ad ogni modo, analizzando i dati dell’intero esercizio, le immatricolazioni di auto in Italia sono state pari a 1.970.497 veicoli, in rialzo del 7,92% rispetto al 2016, con FCA che ha fatto sempre peggio del mercato, con 560.426 immatricolazioni e un aumento del 5,7% su base annua, e con quota di mercato del 28,44% rispetto a 29,05%.

Immatricolazioni in calo negli USA

Per quanto invece riguarda il mercato USA, il mese di dicembre si è chiuso con un aumento del 2,07% per le immatricolazioni, con un totale di 17,76 milioni di unità da inizio anno scorso. In questo modo il 2017 si chiude con un calo dell’1,6% su base annua, per la prima contrazione dopo la crisi economica del 2008-2009. Tra i segmenti bene i SUV (tra i grandi marchi però solo Nissan e Volkswagen hanno registrato degli aumenti del 2% e 5%), mentre le previsioni per il 2018 sembrano puntare a un nuovo calo, anche se contenuto.

I SUV tengono a galla Ford

Per quanto infine concerne le prestazioni dei principali big a stelle e strisce, Ford chiude il mese con un aumento delle immatricolazioni pari allo 0,9% a 242.049 unità, grazie all’aumento dell’8% dei SUV, che hanno più che compensato il calo del 5,5% delle auto e dell’1% dei truck. Nell’intero 2017 le immatricolazioni di Ford sono state però pari a 2,58 milioni di veicoli, in flessione dell’1,1% rispetto al 2016, che era stato considerato come il miglior anno dell’ultimo decennio.

Infine, General Motors chiude dicembre con calo delle immatricolazioni del 3,3% a 308.539 unità, superando le stime degli analisti che si aspettavano una flessione del 5,5%. Tra i vari marchi Chevrolet e Cadillac sono calati, mentre Buick e GMC hanno registrato un incremento. Complessivamente, per l’intero 2017 la flessione delle immatricolazioni è stata pari all’1,3% a 3,002 milioni di unità.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro