Prezzo petrolio crolla ai minimi da luglio 2017 ma previsioni 2019 restano positive

Prezzo petrolio crolla ai minimi da luglio 2017 ma previsioni 2019 restano positive
© Shutterstock

Il petrolio crolla a picco e scatena il sell-off su tutte le azioni di Borsa Italiana legate alle quotazioni del greggio

CONDIVIDI

La quotazione del petrolio è in caduta libera. Il prezzo dell'oro nella seduta di oggi 20 dicembre, ha realizzato un pericoloso avvitamento verso il basso. Alle ore 17,30 il petrolio è crollato ai minimi da luglio 2017 con il WTI scambiato a 45,7 dollari, ben il 5 per cento in meno rispetto alla chiusura di ieri. Mentre è in corso la scrittura del post, la quotazione petrolio resta alla mercè delle vendite. In particolare il greggio WTI registra un calo del 4,05 per cento a quota 46,22 dollari mentre la quotazione del Brent è in ribasso del 3,72 per cento a quota 55,11 dollari al barile. Il crollo del prezzo del petrolio di oggi ha messo fine al tentativo di recupero che il greggio avva avviato nelle ultime sedute. Il sell-off è diventato molto forte a seguito dell'andamento negativo della borsa di Wall Street che sembra non aver preso bene le ultime decisioni di politica monetaria della FED. 

Il forte ribasso del prezzo del petrolio ha determinato su Borsa Italiana oggi ondate di vendite sulle azioni del settore petrolifero. Le azioni Saipem e le azioni Tenaris, in particolare, hanno pers circa il 4 per cento. 

Nonostante il crollo delle quotazioni del petrolio a livelli che mancavano da quasi un anno e mezzo, le previsioni sull'andamento del prezzo dell'oro nero nel 2018 restano comunque positive. Quindi da un lato il petrolio crolla ma dall'altro le stime sul 2019 non cambiano. Secondo alcuni analisti, tutti i paesi coinvolti nella produzione di greggio sembra essere in difficoltà in questa fase storica. Gli stessi sauditi che un tempo avevano il privilegio di fare il bello e il cattivo tempo sono alle prese con una grana non indifferente. Se infatti il Dollaro inizia a svalutarsi, allora non ci sono più riserve valutaie per stabilizzarlo.

Ascoltando le previsioni delle banche centrali, a partire da quelle delle Federal Reserve, si è portati a chiedersi come il prezzo del petrolio sia riuscito ad arrivare a questi livelli in presenza, appunto, di previsioni petrolio 2019 positive. Le possibilità sono due: o le previsioni sono sbagliate oppure presto le quotazione dle greggio potrebbero registrare un forte ribalzo. In entrambi i casi il consiglio è quello di valutare attentamente le evoluzioni delle quotazioni in modo tale da adeguare la propria stretegia trading. Se le previsioni sono giuste, allora il prezzo del petrolio è pronto a salire e quindi è consigliabile attivare un trade long. Ma se invece le previsioni sono sbagliate? 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro