Risparmio gestito, agosto si chiude con raccolta in aumento

gestito

Il consueto report di Assogestioni ci dice come si è chiuso il mese di agosto per il gestito.

CONDIVIDI

Stando alla consueta e recentemente pubblicata Mappa Mensile del Risparmio Gestito di Assogestioni, aggiornata alla fine dello scorso mese, l’industria del risparmio gestito avrebbe segnato una raccolta netta di 3,8 miliardi di euro, in aumento di 57 miliardi di euro dall’inizio dell’anno ad oggi.

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Conto Demo gratuito per provare il trading online ?  – Il broker 24Option sponsor della Juventus FC offre conto demo gratuito e illimitato, puoi investire e guadagnare da casa con un PC o Smartphone con la massima comodità e senza rischio di perdere soldi… Vai al sito >>

Sempre secondo il dossier curato da Assogestioni, l’incremento della raccolta netta sarebbe imputabile principalmente all’apporto conseguito dai fondi aperti, che sono cresciuti di 4 miliardi di euro, con un nuovo massimo storico per il patrimonio complessivo, ora pari a 2.259 miliardi di euro.

Di questi, più di 1.161 miliardi di euro sono impiegati nella gestione di portafoglio, mentre sono quasi 1.098 miliardi di euro gli asset investiti nelle gestioni collettive. Per quanto attiene le categorie di fondi aperti favorite dai sottoscrittori, ad agosto le più dinamiche sono quelle obbligazionarie (+ 3,4 miliardi), monetarie (+ 3,3 miliardi), bilanciate (339 milioni).

Passando poi a una breve analisi sull’andamento delle singole società che operano nel comparto del risparmio gestito, tra i principali player del settore troviamo la buona spinta del Gruppo Generali, che nel mese di agosto ha chiuso la raccolta netta con un saldo positivo per 3,1 miliardi di euro, anche se – sostiene Assogestioni – è frutto principalmente di movimenti infragruppo. Bene, per oltre un miliardo di euro, anche il Gruppo Intesa Sanpaolo, e cresce di quasi 390 milioni di euro Credem. Chiudono invece il periodo in questione con un segno negativo il Gruppo Amundi (- 750 milioni di euro), Poste Italiane (- 367 milioni di euro) e Allianz (- 281 milioni di euro).

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro