Capex: cosa è perchè è utile ai trader. Guida al calcolo con esempio

La guida completa sul capex - BorsaInside

Nel mondo della finanza e degli investimenti si sente spesso parlare di capex ma in pochi (e sicuramente non i trader principianti) sanno cosa si intende con questa strana parola. Eppure quello del capex è un concetto importante che non riguarda solo l’ambito teorico ma anche quello pratico. Ciò che vogliamo intendere è che un trader non può prescindere dalla conoscenza del capex se vuole davvero investire in borsa con efficacia e ciò nonostante questo concetto non riguardi in modo diretto l’ambito del trading ma più che altro quello societario.

Il capex, inteso come ciclo del capitale, si inserisce, assieme al ciclo del sentiment e a quello del credito, nella naturale ciclicità dell’economia e proprio per questo motivo è un parametro molto utile per i trader. Insomma chi punta ad essere un buon trader non può non leggere la nostra guida sul capex. Forse è il caso di ritagliarsi un pò di minuti per approfondire questo concetto.

Cosa è Capex: significato del termine

“Capex” è un’abbreviazione di “Capital Expenditure” in inglese, che in italiano può essere tradotto come “Investimenti in Capitale” o “Spese di Capitale”. Il capex rappresenta le spese sostenute da un’azienda per acquistare, migliorare o mantenere beni fisici come edifici, attrezzature, macchinari e altri asset a lungo termine. Questi investimenti sono destinati a generare benefici per l’azienda per un periodo di tempo esteso, spesso superiore a un anno.

Nell’ambito societario, le spese di capitale sono differenti dalle spese operative (Opex), che rappresentano i costi correnti necessari per mantenere la normale attività quotidiana di un’azienda, come stipendi, utenze e forniture di ufficio.

Esempi di capex sono invece l’acquisto di nuovi impianti di produzione, l’espansione di un edificio aziendale, l’acquisto di nuovi veicoli o l’aggiornamento di attrezzature. Non è necessario essere degli esperti di microeconomia per comprendere che si tratta di investimenti considerati cruciali per la crescita a lungo termine e la sostenibilità dell’azienda visto che contribuiscono a migliorare la capacità produttiva, l’efficienza operativa o la qualità dei prodotti e servizi offerti. In poche parole il futuro di una società non può prescindere dal capex. Ecco perchè il concetto del capex non può essere noto ad un trader che punta a trarre profitto dalla sua attività.

Forse ti può anche interessare — CAGR: cosa è e come si calcola. Esempio calcolo formula excel

Come calcolare il capex in modo semplice

Quale è la formula necessaria per calcolare il capex? Prima di citare la formula per il calcolo vero e proprio, spieghiamo rapidamente a parole come si deve procedere per non sbagliare.

Tanto per iniziare è necessario prendere il bilancio aziendale dell’anno in corso e verificare la voce immobilizzazioni nette. Successivamente è necessario sottrarre il capitale fisso netto dell’anno in corso da quello del bilancio dell’anno precedente e dal capitale fisso netto attuale. Per finire bisogna aggiungere al risultato le spese di ammortamento dell’anno nel conto economico.

In simboli la formula per calcolare il capex è la seguente:

Capex = PP&E (periodo corrente) – PP&E (periodo precedente) + Ammortamento (periodo corrente)

Anche in formula matematica, il calcolo del capex è molto semplice da fare anche tutto si basa sul fatto che le immobilizzazioni materiali dell’esercizio corrente nel bilancio sono uguali alle immobilizzazioni materiali dell’esercizio precedente con l’aggiunta delle spese in conto capitale e la sottrazione degli ammortamenti.

Tipologie di capex

La differenza tra capex e opex non la sola questione teorica da affrontare in una guida sull’argomento. Occorre infatti prestare attenzione anche alle varie tipologie di capex che esistono.

Anche su questo punto è tutto abbastanza semplice anche perchè, a conti fatti, il discriminante è rappresentato dall’oggetto dell’investimento:

  • capex di manutenzione: conosciuto anche come investimento di sostituzione, rappresenta l’ammontare degli investimenti necessari per coprire la riduzione di valore e le spese di ammortamento delle immobilizzazioni esistenti. In altre parole, questo tipo di investimento è volto a mantenere il livello attuale di produzione e vendita dell’azienda. Si tratta di una strategia volta a sostituire o mantenere le risorse aziendali esistenti, garantendo al contempo l’efficienza operativa e la continuità delle attività.
  • Espansione capex: rappresenta gli investimenti necessari in immobilizzazioni con l’obiettivo di aumentare l’attuale livello di vendite. In pratica, l’azienda effettua tali investimenti per acquisire nuove immobilizzazioni o per migliorare quelle già esistenti, al fine di supportare una crescita sostenibile. Questo tipo di Capex indica una prospettiva di sviluppo e crescita aziendale, in quanto va oltre la semplice sostituzione delle risorse esistenti.

L’investimento totale in Capex da parte dell’azienda sarà la somma di entrambe le categorie, indicando un impegno non solo nel mantenere lo status quo, ma anche nel perseguire attivamente nuove opportunità di espansione.

La decisione del management di una azienda di implementare una strategia di espansione si riflette nel livello totale dell’ investimento, andando oltre la mera necessità di coprire le spese di ammortamento. In sostanza, attraverso l’espansione Capex, l’azienda dimostra la volontà di investire non solo per rinnovare le proprie risorse, ma anche per ampliarle e migliorarle, posizionandosi in modo proattivo per affrontare le sfide del mercato e sfruttare nuove opportunità di crescita.

E anche questo aspetto conferma quanto abbiamo in precedenza accettano in merito alla necessità che i trader conoscano il concetto di capex e la sua rilevanza.

Proprio per ribadire questo punto, nell’ultimo paragrafo di questa guida, affronteremo proprio il tema dell’importanza del capex.

Leggi anche — Guida allo YoY (Year Over Year): cosa è e perche serve nel trading online

Perchè il capex è sempre più importante?

Per una azienda il capex è un indicatore importantissimo visto che da esso dipende il ciclo di vita in cui si trova una società in un dato momento. A sua volta questa informazione è di fondamentale importanza per un trader che deve decidere se comprare o no azioni di quella specifica quotata.

Detto questo, possiamo individuare almeno 5 motivi per cui il capex è sempre più importante. Eccoli di seguito:

  • Investimenti a lungo termine: le spese di capitale riguardano investimenti a lungo termine in beni fisici e altri attivi che contribuiscono alla capacità operativa e alla crescita dell’azienda nel tempo. Questi investimenti vanno oltre le spese operative quotidiane e sono fondamentali per la sostenibilità e lo sviluppo a lungo termine dell’azienda.
  • Crescita e sviluppo: l’allocazione efficace delle risorse attraverso il Capex è essenziale per la crescita e lo sviluppo di un’azienda. Gli investimenti in nuovi impianti, tecnologie, infrastrutture e altre immobilizzazioni possono aumentare la capacità produttiva e migliorare l’efficienza della società
  • Innovazione: le spese di capitale permettono alle aziende di rimanere competitive aggiornando e innovando i propri processi e tecnologie. Ciò è particolarmente rilevante in settori ad alta tecnologia o in rapida evoluzione, dove l’innovazione costante è cruciale per il successo.
  • Pianificazione finanziaria: Le spese di capitale sono una componente essenziale della pianificazione finanziaria a lungo termine. Un’azienda deve valutare attentamente quando e come allocare le risorse per garantire che gli investimenti siano allineati con gli obiettivi strategici.
  • Valutazione finanziaria: il modo in cui un’azienda gestisce le spese di capitale può influenzare la sua valutazione finanziaria. Gli investitori tengono conto delle decisioni di Capex per valutare la salute finanziaria, la strategia aziendale e la capacità dell’azienda di generare valore nel lungo periodo.

L’ultimo punto riguarda direttamente i trader e aiuta a comprendere perchè chi investe in azioni deve valutare anche le decisioni di capex di un’azienda per comprendere quali sono le prospettive della quotata su cui è in corso una valutazione di investimento.

Una volta scelto di investire, come operare? Quando si parla di titoli, le strade sono due: l’acquisto di azioni reali oppure il trading attraverso i CFD. Ecco quali sono le piattaforme trading che consigliamo di usare:

eToro logo piccolo2
  • eToro: con questo broker si può investire al rialzo e al ribasso sulle azioni attraverso i CFD ma si può anche acquistare azioni reali (frazionate). eToro ha uno dei suoi punti di forza nello strumento del copy trading grazie al quale si possono replicare le strategie dei traders più bravi. Deposito mimo chiesto per iniziare ad operare: 50 dollari. Demo sempre disponibile.

Aumenta le tue capacità di trading aprendo un account eToro virtuale da $100.000più informazioni sul sito eToro <

azioni FinecoBank
  • FinecoBank: permette di fare trading su tantissime azioni con i CFD. Tra gli strumenti più esclusivi di Fineco c’è quello dei Super CFD. In quanto banca italiana, Fineco opera da sostituto di imposta per i clienti con sede in Italia.

Per fare trading usa la piattaforma NR in ItaliaMaggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Rimani aggiornato con le ultime novità su investimenti e trading!

Telegram

Migliori Piattaforme di Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
* Avviso di rischio
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.

Regolamentazione Trading