un'insegna dell'Agenzia delle Entrate

Il bonus 150 euro è un’indennità una tantum prevista dal decreto-legge numero 144 del 2021, convertito successivamente dalla legge numero 175 del 2022.

Questo bonus è destinato a determinate categorie di lavoratori, tra cui collaboratori coordinati e continuativi con redditi inferiori ai 20.000 euro all’anno, assegnisti di ricerca e dottorandi, lavoratori stagionali a tempo determinato con reddito inferiore a 20.000€ e almeno 50 giornate lavorate nel 2021, lavoratori intermittenti e lavoratori iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, con reddito inferiore a 20.000€ e almeno 50 contributi giornalieri nel 2021.

Tuttavia, molti lavoratori si sono visti respingere la richiesta per accedere al bonus una tantum da 150 euro. In questo caso però non tutto è perduto, visto che è possibile richiedere il riesame della domanda all’INPS.

Infatti proprio in questi giorni l’Istituto ha fornito tutte le indicazioni necessarie per presentare domanda di riesame per accedere al bonus 150 euro. Attraverso il riesame è possibile dimostrare il possesso dei requisiti e delle condizioni obbligatorie per beneficiare del bonus da 150 euro.

Come fare per richiedere il riesame dell’Inps

Per richiedere il riesame della domanda per accedere al bonus da 150 euro, è necessario seguire una procedura ben precisa. Prima di tutto, ricordiamo che è possibile presentare la richiesta per il riesame della domanda attraverso il servizio online dell’INPS, utilizzando le credenziali di accesso all’area riservata.

Una volta effettuato l’accesso, è necessario selezionare l’opzione “Richiesta Riesame Bonus 150€”. A questo punto, verrà visualizzata una pagina contenente tutte le informazioni relative alla richiesta. Bisogna quindi leggere attentamente le indicazioni fornite e compilare il modulo online con tutti i dati richiesti.

In alternativa, è possibile effettuare la richiesta di riesame della domanda anche attraverso il Contact center dell’INPS, chiamando il numero verde 803 164 dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 20:00 e il sabato dalle 8:00 alle 14:00. Durante la chiamata, è necessario selezionare l’opzione “Richiesta riesame Bonus 150 euro” e seguire le indicazioni fornite dal sistema.

Ricordiamo che per accedere al bonus da 150 euro, è necessario rispettare alcuni requisiti. In particolare, è richiesto che il lavoratore sia in possesso di un reddito annuo inferiore ai 20.000 euro. Inoltre, a seconda della categoria di appartenenza, sono richiesti alcuni requisiti specifici, come ad esempio almeno 50 giornate lavorate nel 2021 per i lavoratori stagionali a tempo determinato.

Richiedere il riesame INPS per il bonus 150€: istruzioni e procedura nel dettaglio

Per chi ha ricevuto esito negativo alla richiesta per il bonus di 150 euro, previsto per alcune categorie di lavoratori, esiste ancora la possibilità di accedere al beneficio. Infatti si può fare richiesta di riesame all’INPS, seguendo alcune precise indicazioni.

Come chiarito dal recente messaggio dell’INPS, la procedura per fare richiesta del riesame prevede una serie di azioni che il lavoratore dovrà eseguire direttamente all’interno del portale telematico istituzionale. Innanzitutto, bisogna accedere al portale mediante le proprie credenziali personali.

Se vuoi verificare l’esito della tua domanda e le relative motivazioni alla base dell’eventuale esito negativo, dovrai consultare il “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche”.

Per fare richiesta del riesame, dovrai selezionare la voce “Chiedi riesame” e inserire la motivazione della richiesta. Successivamente, dovrai allegare una serie di documenti, a seconda della motivazione per cui la tua domanda è stata respinta dall’INPS. I documenti richiesti dipendono dalla tipologia di contratto e di lavoro svolto.

Per le categorie di lavoratori con contratto co.co.co., assegnisti di ricerca e dottorandi, sarà richiesto di presentare documenti legati al contratto, buste paga o qualsiasi altro documento volto ad attestare l’effettiva prestazione svolta dal lavoratore. Inoltre, occorre anche inviare l’autocertificazione dei redditi conseguiti durante l’anno di imposta del 2021 derivanti da tale impiego, unitamente alla indicazione data e protocollo della eventuale trasmissione della dichiarazione dei redditi PF 2022 (anno di imposta 2021).

Per i lavoratori stagionali, a tempo determinato e intermittenti, invece, sarà necessario presentare per il riesame della domanda per il bonus 150€, i seguenti documenti: contratto o busta paga che attestano l’impiego svolto, autocertificazione dei redditi e copia della Certificazione Unica.

Se invece, a voler presentare domanda per il riesame del bonus 150€ sono i lavoratori iscritti al Fondo Pensioni lavoratori dello spettacolo, i documenti richiesti dall’INPS sono oltre a quelli attestanti i redditi conseguiti durante l’anno d’imposta 2021, anche la comunicazione dell’attività svolta e del numero delle giornate lavorate.

In ogni caso, è importante che la domanda di riesame sia presentata entro il 13 luglio mediante lo stesso servizio telematico.

Comprare azioni di queste aziende e diversificare il portafoglio può essere una strategia vincente. Le 2 migliori piattaforme per farlo ad oggi secondo il nostro parere sono:

Freedom24 logo

Freedom24: per i primi 30 giorni e possibilità di conservare i fondi in denaro in un conto cumulativo D al 3% a dollari e 2.5% a euro all’anno. > clicca qui per andare sul sito ufficiale >

azioni FinecoBank

Fineco Bank: 50 ORDINI GRATUITI, 12 mesi a zero canone e consulenti 100% disponibili anche online > Maggiori info sul sito ufficiale, clicca qui >

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.