Borsainside.com

Borse europee temono seconda ondata coronavirus: ora serve prudenza

Borse europee temono seconda ondata coronavirus: ora serve prudenza
© iStockPhoto

La risalita dei contagi da coronavirus spinge gli investitori a cambiare approccio sui mercati azionari. Il punto post-Ferragosto

L'andamento di Borsa Italiana Oggi 17 agosto 2020 (Ftse Mib in leggero ribasso) è la conferma che i mercati europei stiano andando verso una fase di consolidamento. In una settimana caratterizzata dalla pubblicazione di alcuni significativi dati macro, il focus resta rivolto su due drivers principali: le tensioni geopolitiche tra Usa e Cina e l'andamento crescente della pandemia di coronavirus. Sono queste due variabili a condizionare in modo significativi i mercati europei.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community e condividi le tue strategie di trading. La funzione di 🥇CopyTrader™ ti permette di copiare in maniera automatica le performance del portafoglio dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

In particolare, è evidente che le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti siano tornate a crescere dopo che la riunione calendarizzata per la revisione della fase 1 dell'accordo è stata cancellata. Ad aggiungere benzina sul fuoco ci ha poi pensato il presidente Trump che nei giorni scorsi ha minacciato di imporre nuove sanzioni alle aziende cinesi come Alibaba. Ad alimentare la tensione anche la decisione dell'amministrazione americana di imporre a ByteDance l'obbligo di "vendere TikTok a un gruppo statunitense entro 90 giorni".

Accanto alle tensioni geopolitiche, c'è poi il ritorno del coronavirus. Secondo Link Securities, gli investitori hanno paura che la ripresa economica, fino ad adesso consistente, passa rallentare a causa della crescita dei casi di coronavirus nei principali paesi dell'area Euro. A preoccupare sono, ancora una volta, Francia, Belgio, Spagna e Italia. 

Per gli esperti di Link Securities, arrivati a questo punto, il rischio più alto è che i nuovi focolai costringano le autorità dei paesi o delle regioni colpite a procedere con la revoca delle riaperture decise in giugno. In pratica il timore dei mercati è che si possa tornare indietro. 

Alla luce di tale situazione, gli analisti di Renta 4 ritengono prematuro "sostenere la rotazione verso un ciclo in assenza di una maggiore visibilità sull'evoluzione della pandemia e, per estensione, sul ritmo e sull'intensità della ripresa economica". 

Dal punto di vista finanziario, l'inevitabile reazione degli investitori non può che essere improntata alla prudenza almeno fino a quando non ci saranno notizie più rassicuranti sul contenimento della pandemia. 

Tale indicazione vale anche nel caso in cui si preferisca investire sugli indici di Borsa con il CFD Trading. A tal proposito ricordo che un broker autorizzato come eToro (qui trovi la recensione completa) ti offre la demo gratuita per imparare a fare trading attraverso i CFD. 

Trading CFD sugli indici di borsa: demo gratis eToro da 100.000€ >>> clicca qui

Attenzione perchè c'è una variabile che potrebbe aggravare il quadro. Molte borse, non solo quelle europee, in questi ultimi mesi hanno registrato rialzi anche molto forti. Questo è avvenuto perchè gli investitori hanno iniziato a scommettere su una ripresa economica a V. Non serve essere degli analisti del Financial Times per capire che con il ritorno del coronavirus, le speranze di ripresa a V sono destinate a crollare. 

Operativamente, alla fase di consolidamento in atto, potrebbe quindi far seguito una forte inversione di trend che sarebbe inevitabile se l'andamento della pandemia dovesse peggiorare. 

Alcuni dati per capire quello che potrebbe accadere se la situazione dovesse precipitare: l'S&P 500, nonostante il crollo di marzo, è tornanto ad essere molto vicino ai massimi storici raggiunti all'inizio dell'anno.

L'indice Nikkei della borsa del Giappone e il Dax tedesco sono vicinissini ai livelli raggiunti nel 2019. Rispetto ai minimi toccati nella fase è esplosa l'emergenza coronavirus, il Nikkei della borsa del Giappone ha recuperato il 41 perc cento mentre il Dax tedesco ha messo a segno un balzo del 53 per cento. 

Se i focolai non dovessero essere circoscritti, non è difficile immaginare quello che potrebbe accadere. 

IQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS