Skin ADV

BTP a 30 anni: rendimento a +18 punti base sul BTP scadenza marzo 2048

BTP a 30 anni: rendimento a +18 punti base sul BTP scadenza marzo 2048
© Shutterstock

Domanda molto forte per il nuovo BTP a 30 anni (scadenza settembre 2049) che è stato collocato oggi

Il collocamento del nuovo BTP a 30 anni annunciato ieri dal Tesoro è stato un successo. Probabilmente, considerando il clima favorevole, non poteva essere diversamente e quindi l'assalto da parte dei compratori era del tutto atteso. Il forte appeal di cui ha goduto l'emissione ha permesso di fissare il rendimento del nuovo BTP scadenza settembre 2049 a 18 punti base sul rendimento del corrispondente titolo ossia il BTP scadenza marzo 2048. A comunicare il rendimento del titolo è stato il servizio di Refinitiv, IFR. La stessa fonte ha anche aggiunto che gli ordini alle ore 12,12 avevano superato quota 33 miliardi. Il regolamento dell'emissione prevede che il libro ordini del collocamento abbia chiusura alle ore 12,40.

Conosci il Social Trading?  Vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare il loro portafoglio. Conto Demo gratuito con 100.000€ virtuali per provare senza spendere i tuoi soldi Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Conosci il Social Trading?  Vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare il loro portafoglio. Conto Demo gratuito con 100.000€ virtuali per provare senza spendere i tuoi soldi Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Prima dell'ufficializzazione del rendimento del nuovo BTP a 30 anni, la guidance di rendimento aveva subito una prima revisione in area +20 punti base sul rendimento del BTP marzo 2048 dalla precedente indicazione di rendimento attestata nell'intervallo tra i 20 e i 22 punti base. 

Il nuovo BTP a 30 anni è stato collocato da un gruppo di primarie banche internazionali incaricate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze di seguire l'operazione. Il collocamento ha potuto beneficiare del sentiment più disteso che caratterizza i mercati nelle ultime settimane. Il Ftse Mib di Borsa Italiana ha registrato, non a caso, un rialzo del 6 per cento circa dall'inizio dell'anno. Non tutti gli analisti però hanno usato parole "dolci" nei confronti della nuova emissione del Tesoro. Secondo Alain Bokobza di Societe Generale, l'Italia "è ancora motivo di preoccupazione per i mercati finanziari" tuttavia, prosegue l'analista, "grazie all'approccio più cooperativo del Governo, l'obbligazionario resta attrattivo per gli investitori".

Dal punto di vista operativo gli analisti di Unicredit ritegono che in futuro lo spread BTP BUND possa allargarsi e quindi, "posizionarsi sulla parte a lunghissima scadenza della curva dei rendimenti può essere una buona tattica difensiva". L'emissione del BTP a 30 anni altro non è che un valido supporto proprio per "questa strategia". Questo perchè al termine del collocamento "la pressione delle nuove offerte sulla parte a lunga scadenza della curva italiana sarà molto ridotta".

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro