Bond UBI Banca scadenza settembre 2025: previsioni rendimento e aggiornamento ordini

Bond UBI Banca scadenza settembre 2025: previsioni rendimento e andamento ordini

UBI Banca ha avviato il collocamento di un covered bond da 500 milioni di euro con rating atteso Aa3 per Moody's

CONDIVIDI

Aggiornamento ore 18,30 - ll rendimento del nuovo covered bond UBI Banca è stato fissato a 70 punti base sopra il Midswap, 10 bp in meno rispetto alla prima indicazione. Gli ordini complessivi sono stati pari a 2,7 miliardi di euro e sono arrivati da 170 investiori con una forte domanda. Il bond UBI Banca scadenza 2025 staccherà uan cedola annuale a tasso fisso pari all'1 per cento. La banca, in un comunicato diramato alla conclusione dell'emissione, ha reso noto che il prezzo di sottoscrizione è stato pari al 99,989 per cento, valore che corrisponde ad un rendimento a scadenza che ammonta all'1,002 per cento. Rispetto al BTP questo rendimento è di 122 bp sotto. 

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Conosci il SOCIAL TRADING ? Scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo su eToro e inzia a copiarli !  Disponibile conto demo gratuito con 100.000€ virtuali. Prova ora >>

Aggiornamento ore 15,45 - Gli ordini del nuovo bond UBI Banca da 500 milioni di euro hanno raggiuto e superato quota 2,25 miliardi di euro. A causa della domanda forte, la guidance di rendimento è stata rivista al ribasso e ora è indicata in area 70 bp, 10 punti base in meno rispetto alla precedente indicazione fissata a 80 punti base rispetto al midswap di riferimento. 

Obbligazioni UBI Banca 2025: caratteristiche emissione

Le azioni UBI Banca diventano calde su Borsa Italiana oggi in scia alla notizia dell'avvio del collocamento di un covered bond da 500 milioni di euro che, al termine dell'emissione, verrà poi quotato sulla borsa irlandese. Dietro al +1,78 per cento che le quotazioni UBI Banca segnano oggi sul Ftse Mib c'è la curiosità dettata proprio dal lancio della nuova obbligazione garantita da un portafoglio di mutui residenziali di qualità. Il nuovo bond UBI Banca ha scadenza settembre 2025 e rating atteso ad Aa3 per l'agenzia Moody's e AA per l'agenzia DBRS. Il collocamento viene effettuat presso investitori istituzionali di qualità. Ad assistere UBI Banca nel collocamento è un gruppo di banche internazionali che sono guidate da Commerzbank, Barclays, Societe Generale, Unicredit e Deutsche Bank.

Rendimento e ammontare degli ordini saranno comunicati nel corso della giornata. Nonostante manchi l'ufficialità da parte della banca emittente, circolano comunque già le prime voci. Il rendimento del nuovo bond UBI Banca 2025 dovrebbe essere pari a 80 punti base al di sopra del midswap di riferimento. L'indicazione è da prendere con le molle perchè laddove la domanda da parte degli investitori dovesse essere più forte del previsto, allora il rendimento potrebbe registrare anche un calo. Ad ogni modo, previsioni a parte, le indicazioni sul rendimento delle nuove obbligazioni garantite UBI Banca (covered bond) saranno diffuse nel corso della giornata. Le prime indicazioni sugli ordini, termometro per valutare quello che potrebbe essere l'appeal dell'obbligazione, sono positive. Verso la metà della mattinata, infatti, gli ordini avevano già superato quota 1 miliardo di euro. 

Ma perchè conviene aderire al bond UBI Banca? Comprare le nuove obbligazioni UBI significa maturare il diritto di ricevere una cedola annuale d'importo fisso. La durata complessiva delle nuove oggligazioni UBI Banca è pari a sei anni e sette mesi mentre il regolamento del nuovo prestito obbligazionario è previsto per il prossimo 25 febbraio.

Questa mattina sulle azioni UBI Banca sono intervenuti gli analisti di Mediobanca. Gli esperti hanno confermato il rating neutral e il target price a 2,7 euro. La visibilità ad UBI Banca è garantita oltre che dal lancio del coveder bond da 500 milioni di euro anche dal dossier relativo alle fusioni. Il consigliere delegato di UBI Victor Massiah, in una recente intervista aveva affermato che una integrazione tra le banche italiane "ci sarà e noi non staremo a guardare". Massiah ha però posto precisi paletti affermando che "la premessa è che siano operazioni non per curare le ferite, ma per creare un soggetto più forte". No a fusioni che vedono protagonista UBI Banca solo per tamponare le ferite ma si ad integrazioni che siano capaci di creare valore aggiunto. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro
iqOption