Mentre le azioni Tesla proseguono il loro apprezzamento a Wall Street, favorite anche dalla crescente attesa per l’avvio della quotazione sull’S&P 500 (qui le novità), segnali poco incoraggianti arrivano direttamente dal fondatore Elon Musk che, in una mail indirizzata ai dipendenti della casa automobilistica, ha espressamente parlato di rischio crollo per la società.

Non è la prima volta che la parola “crollo” viene associata a Tesla. Da anni si parla di una possibile bolla ma, e penso che chiunque possa essere concorde con questa affermazione, una cosa è sentir parlare gli analisti di possibile crollo di Tesla e un’altra è vedere un alert lanciato direttamente da Elon Musk, il quale è certamente un personaggio eccentrico ma è un autolesionista. 

L’allarme di Musk, quindi, dovrebbe essere preso sul serio anche e soprattutto da chi detiene azioni Tesla in portafoglio. La domanda da porsi è sempre la stessa: conviene comprare azioni Tesla? A sentire quanto afferma il suo stesso CEO nella mail indirizzata ai dipendenti, il futuro non è propriamente in discesa (ammesso che che lo sia mai stato per Tesla). Sicuramente le azioni Tesla sono ideali per fare speculazione ma in questo caso ciò che serve non è comprare azioni ma bensì investire attraverso uno strumento derivato come i Contratti per Differenza. Scegliendo ad esempio un broker autorizzato come eToro (leggi qui la recensione completa) avrai subito la demo gratuita e inoltre non ci sono commissioni nel trading sulle azioni globali

eToro – Zero commissioni nel trading sulle azioni >>> prendi qui la demo gratis

Crollo Tesla: perchè Musk lancia l’alert?

Nella mail che Musk ha inviato ai suoi dipedenti si palese il rischio di un crollo del valore delle azioni nel caso in  cui la società non si mostrasse capace di proseguire con politica di riduzione dei costi.

Ecco il passaggio della lettera che dovrebbe far drizzare i capelli a tutti gli azionisti: gli investitori danno molto credito a Tesla sulla redditività futura ma, se in qualsiasi momento, essi dovessero arrivare alla conclusione che ciò non accadrà, allora, in quel preciso momento, le azioni Tesla sarebbero immediatamente schiacciate al pari  di un “soufflé sotto un martello!”

Insomma la prospettiva non è propriamente delle migliori anche se, grazie allo short trading (leggi qui la guida completa) puoi comunque speculare anche in caso di ribasso. Per farlo ti consiglio sempre di fare prima pratica con un conto demo. Ad esempio scegliendo il broker IG (leggi qui la recensione completa) potrai avere subito 30 mila euro virtuali per imparare a vendere e comprare CFD Azioni senza correre rischi. 

CFD Trading sulle azioni con IG>>>prendi qui la demo gratuita 

Le parole di Musk sul rischio crollo Tesla in borsa non sono state un segnale isolato. Sempre lo stesso fondatore della società recentemente aveva dichiarato di non escludere alleanze con produttori tradizionali di auto. Durante l’assegnazione degli Axel Springer Awards a Berlino, Musk affermava che la sua società non avrebbe mai avviato un procedimento di acquisizione nel caso in cui un concorrente dovesse ritenere essere una buona idea fondersi con Tesla. “Se ne potrebbe parlare” aggiungeva Musk.

Cosa lascia intendere questo 1-2 di Musk? Secondo i trader che da tempo speculano sul titolo Tesla (qui la demo eToro) è possibile che il numero uno della società stia aprendo una parta per arrivare, addirittura, ad una fusione con una casa automobilistica tradizionale. Nonostante il valore in borsa delle azioni Tesla, la società, molto abile nel far sempre parlare di se, resta una comparsa rispetto ai big mondiali del settore automotive. E questa condizione riguarda i fondamentali. 

>>>Investi in azioni con i CFD: apri un conto demo eToro, è gratis>>>clicca qui

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.