Prezzo oro previsioni 2023: crollo o rally a 2500 dollari nel nuovo anno? Ecco come investire

previsioni oro rialzo

Quali sono le previsioni sul prezzo dell’oro ad inizio 2023? A porsi questa domanda sono stati diversi analisti che però, a dimostrazione della complessità del momento, sono arrivati a conclusioni diametralmente opposte. Le varie analisi possono essere utilizzate da tutti gli investitori che hanno già oro nel proprio portafoglio o che sono comunque interessati ad investire sul gold. Oggi l’oro è uno degli asset più semplici da tradare visto che è possibile operare sulle sue variazioni di prezzo attraverso strumenti derivati come i CFD che, grazie al broker eToro (qui il sito ufficiale) sono alla portata di tutti.

Ma veniamo all’argomento del post. Le previsioni oro 2023 non convergono in una sola direzione. Da un laro abbiamo quelle di Goldman Sachs sono molto ottimistiche. Secondo gli analisti della banca d’affari americana, infatti, il prezzo del gold da qui ai prossimi dovrebbe raggiungere i 2500 dollari. Un rialzo molto consistente se si considera quello che è l’attuale valore di questo asset.

Addirittura gli analisti della banca d’affari Usa hanno scorporato questo target finale dividendolo in questo modo: 150 dollari di aumento sono da riportare all’effetto ricchezza, 400 dollari di incremento sono connessi all’effetto paura e 150 dollari all’incremento della domanda da parte delle Banche centrali. Secondo Goldman Sahs proprio la paura avrebbe portato gli acquisti di oro attraverso gli ETF ad un aumento di quasi 200 tonnellate.

Dall’altro abbiamo invece la prospettiva dell’analista di Investing Pinchas Cohen secondo il quale se la FED dovesse persistere con le sue politica monetarie aggressive, non è da escludere che il prezzo dell’oro possa anche crollare a 1300 dollari nei prossimi 6 mesi.

Vediamo entrambi i punti di vista partendo dall’analisi più ottimistica, quella di Goldman Sachs.

Prezzo oro: perchè l’attuale trend è piatto

Plus500 Trading CTA

Se le previsioni sul prezzo oro 2023 elaborate da Goldman Sachs sono molto forti è anche perchè il punto di partenza delle valutazioni è molto contenuto. Come si può vedere dal grafico in basso, sono alcuni mesi che il valore del gold sembra essersi appiattito. Secondo gli analisti americani questa situazione potrebbe quasi stupire. Il trader poco esperto di potrebbe chiedere come mai, nonostante la crisi geopolitica in atto e il boom dell’inflazione, le valutazioni dell’oro non si scaldino.

Una spiegazione c’è: secondo gli esperti il sell-off che ha interessato il gold nell’ultimo trimestre è da mettere in relazione con l’indebolimento del renminbi cinese a sua volta causato dall’adozione, da parte delle autorità di Pechino, di frequenti lockdown per contenere i picchi di covid19.

Il renminbi, infatti, rappresenta un proxy per quello che riguarda l’effetto ricchezza sull’oro. I lockdown cinesi hanno generato un forte impatto sulla domanda spot di oro, con le vendite di gioielli che, nel mese di aprile, hanno registrato un ribasso di ben il 30 per cento anno su anno. In questa situazione la Banca centrale cinese ha permesso un deprezzamento della sua valuta al fine di riuscire ad alleggerire le condizioni finanziarie.

A causa del calo del valore del renminbi, la quotazione oro negli ultimi mesi si è ribassata. In questo contesto gli economisti hanno deciso di rivedere al ribasso la previsione sul pil cinese 2022 dal 4,3 per cento a 4 per cento. Gli analisti si attendono una ripresa della crescita nella seconda metà dell’anno.

Previsioni oro 2023: come investire

Se le previsioni sul gold elaborate da Goldman Sachs per la seconda parte del 2022 dovessero essere reali, allora la strategia da adottare sull’asset giallo non potrebbe che essere di tipo rialzista. In passato per investire al rialzo sull’oro era necessario, per forza di cose, comprare oro fisico. Oggi è invece possibile speculare attraverso uno strumento derivato come i CFD (Contratti per Differenza) che riproduce l’andamento del sottostante (il gold in questo caso). Per fare CFD Trading sull’oro è fondamentale usare strumenti avanzati.

Un esempio può essere il Copy Trading eToro grazie al quale è possibile copiare le strategie dei traders migliori sull’oro. Questa funzionalità può essere testata anche da chi è alle prime armi visto che è sempre disponibile la versione demo (100 mila euro virtuali gratis).

Impara a fare Copy Trading sull’oro con il broker eToro>>>clicca qui per avere la demo gratuita

copy trading etoro

Previsioni oro prossimi 6 mesi: analisi di Pinchas Cohen

E passiamo adesso a chi invece vede nero sul prezzo dell’oro: Cohen di Investing.com. Secondo l’esperto è necessario prendere atto del fatto che i tassi di interesse in continuo aumento stanno provocando una fuga degli investitori dall’oro. Il gold, semplicemente, non rende nulla e da qui il dietrofront dei trader.

Nel mese di settembre, l’oro si è inabissato ai minimi del 2021, che però erano anche i minimi tra i due picchi record del 2020 e del 2022. Insomma grazie a questo movimento l’oro è riuscito a portare a completamento un enorme doppio apice.

A partire da questa situazione, l’analista ipotizza che il prezzo dell’oro possa rafforzare le sue prospettive sul doppio apice se le quotazioni dovessero scendere sotto al minimo del 28 settembre di 1.618 dollari. Visto che l’altezza del pattern è di è 40 dollari, il breakout potrebbe allora fare un test a 1.300 dollari. Le tempistiche necessarie per raggiungere questo obiettivo del doppio apice potrebbero essere di appena sei mesi, vale a dire quanto tempo ci ha messo sempre l’oro per scendere ogni volta che aveva raggiunto il record. Al tempo stesso, però, non è da escludere che l’arco temporale possa essere anche di due anni, ossia quanto di impiega il pattern per svilupparsi.

Prezzo Oro previsioni 2023: le prime indicazioni

Gli analisti di UBS hanno invece focalizzato la loro attenzione sulle previsioni per il 2023. Secondo Wayne Gordon, anche se la sensibilità dell’oro ai catalizzatori di lungo termine sembra essere cambiata, le prospettive del gold continuano ad essere legate alla direzione del dollaro e alle mosse della FED. In questo contesto gli esperti vedono rischi di ribasso per l’oro fino a fine 2022 mentre nel primo semestre 2023 dovrebbe subentrare una certa stabilizzazione. Seguendo la linea cronologica si può poi ipotizzare una ripresa del rialzo a partire dalla metà del prossimo anno. Queste previsioni sul 2023 si basano su due assunti:

  • il dollaro Usa raggiungerà il suo picco massimo nel primo trimestre del 2023
  • la FED fermerà i rialzi dei tassi di riferimento nel secondo trimestre 2023.

Secondo Gordon il motivo dell’attuale continuo scollamento tra il prezzo corrente dell’oro e quello che sarebbe dovuto essere il valore secondo le stime iniziali è da ricercare in una combinazione tra l’alto premio per il rischio geopolitico, di un’inflazione persistente e un numero limitato di alternative come le obbligazioni high-grade. Nel loro insieme, ha evidenziato l’esperto, questi fattori hanno causato un incremento della sensibilità del metallo giallo alle sue variabili sottostanti. Il suggerimento dell’analista è quello di continuare a proteggersi dal rischio di un ulteriore ribasso con posizioni a più lungo termine, puntando su una risalita del valore del gold nel secondo trimestre 2022.

Per implementare questa strategia si possono usare i CFD sull’oro. Ricordiamo che il broker eToro mette sempre a disposizione la demo gratuita per fare pratica senza rischi (qui il sito ufficiale del broker).

Che il 2023 possa essere per il gold un buon anno è una tesi sostenuta anche da Bank of America secondo i cui analisti, nel nuovo ci potrebbe essere un incremento delle valutazioni dell’oro sino ad oltre 2.000 dollari l’oncia. Questo perchè la fine degli aumenti aggressivi dei tassi da parte della FED potrebbe generare una contrazione del costo opportunità ed essere da volano per la domanda di gold.

Secondo Ole Hansen, numero uno delle strategie sulle materie prime per Saxo Bank, il 2023 sarà un anno favorevole per i prezzi dell’oro grazie al supporto della recessione e a causa dei rischi che invece potrebbero correre il mercato azionario. Per l’esperto altri fattori che potrebbero condizionare al rialzo le valutazioni del gold nel 2023 sono l’eventuale raggiungimento di un picco dei tassi delle banche centrali e la possibilità che il dollaro possa essere più debole. I prezzi dell’oro, ha quindi aggiunto l’analista, sono in pendenza da inizio di novembre a causa delle turbolenze dei mercarti e dell’aumento del rischio di recessione.

Sulle previsioni oro 2023 è intervento anche Kumar Dixit, a capo delle strategie tecniche di SKCharting.com, secondo il quale è oramai evidente che l’oro è in cerca di stabilizzazione sopra i 1950 dollari. “Potrebbe sembrare un’ovvietà: per arrivare ad un nuovo record sopra i 2.000 dollari, bisogna superare i 1.950 dollari” è i messaggio lanciato da Dixit. Il passaggio da 1950 dollari l’oncia a 2000 dollari l’oncia non va inteso come una semplice progressione naturale ma al contrario come una fase tecnica cruciale. Alla luce di questo ragionamento, 1950 dollari sarà quindi la resistenza tecnica con cui il gold farà i conti nei prossimi mesi. Tenendo conto che solitamente i tassi FED arrivano al picco nel secondo trimestre dell’anno, non sorprenderebbe se la quotazione del gold si dovesse stabilizzare sopra i 1.950 dollari nel medio periodo ossia nel secondo trimestre 2023. Secondo Dixit c’è anche una seconda ragione per cui il prezzo dell’oro ha la necessità di restare per un pò di tempo sopra i 1950 dollari l’oncia prima di cercare l’affondo su più alti livelli.

–APRI UN CONTO DEMO ETORO E IMPARE A FARE CFD TRADING SULL’ORO>>

Storicamente, infatti, “1.920 dollari è stato il massimo record per l’oro spot, prima dell’avvento dei 2.073 dollari nell’agosto 2020, quasi identico al picco del marzo 2022 di 2.070 dollari”. Di conseguenza è plausibile che anche ora possa avvenire qualcosa di simile.

Ancora secondo Juerg Kiener, direttore gestionale e responsabile degli investimenti di Swiss Asia Capital, ci sarà un mercato toro per l’oro nel 2023. Per l’analista i grafici dell’oro spot lasciano intendere che quota 1950 dollari possa essere una sorta di fermata intermedia del primo trimestre dell’anno. I target sono quindi oltre. Staremo a vedere.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Borsa Americana Oggi in Tempo Reale - Wall Street

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.