indicazione per Wall Street e logo di Microsoft e Apple
Apple e Microsoft grandi trascinatrici dell'S&P 500 - BorsaInside

Quella di ieri è stata una giornata storica per la borsa di Wall Street. Contrariamente a tutte le ipotesi circolate nelle ultime settimane circa la possibilità che il mercato azionario Usa fosse arrivato a fine corsa, il più importante indice della borsa americana è riuscito a centrare un nuovo record storico. Merito del balzo in avanti è stato di due titoli in particolare: Apple e Microsoft.

I due colossi tech sono stati letteralmente investiti da una pioggia di acquisti e poichè la loro capitalizzazione pesa tantissimo su quella complessiva dell’indice, ecco spiegato il motivo per cui l’S&P 500 ha scritto una nuova pagina di storia.

Come si può vedere dal grafico in basso, grazie al rialzo messo a segno ieri (+0,8 per cento), l’indice è salito a un nuovo al massimo storico a quota 5.473,30. Da inizio anno la progressione per il paniere è stata del 15 per cento. In pratica dopo un 2023 da record, anche il nuovo anno di sta rivelando molto proficuo per il paniere.

Dinanzi a questa situazione ci sono due categorie di investitori: quelli soddisfatti per i profitti ottenuti grazie alla loro strategia bullish (magari varata già da un pò di mesi) e quelli che invece si rammaricano per l’occasione persa perchè, erroneamente, ritenevano che l’S&P 500, dopo il rally dell’anno scorso, avrebbe ritracciato se non altro per fattori tecnici.

E invece se c’è una cosa che il trading online ha insegnato negli ultimi mesi è che oramai a Wall Street (possiamo parlare della borsa Usa in generale visto che la tendenza riguarda un pò tutti i panieri e non solo l’S&P 500 nello specifico) non c’è analisi tecnica che tenga. Tutte le vecchie regole, infatti, sono state travolte da quella che sarà la rivoluzione del secolo: l’intelligenza artificiale.

Senza andare troppo lontano nel tempo, il rally ai nuovi massimi storici che l’S&P 500 ha centrato ieri è stato causato proprio dall’entusiasmo dei trader per le prospettive di sviluppo dell’intelligenza artificiale. Questo tema calda ha appunto galvanizzato le due big del tech, Apple e Microsoft, che hanno chiuso la prima avanti del 2 per cento e la seconda a 1,2 per cento. Attenzione perchè anche in questo caso abbiamo a che fare con nuovi massimi storici. Sia le quotazioni di Apple che quelle di Microsoft, infatti, hanno raggiunto valori record con le rispettive valutazioni di mercato che oramai sono in area 3,3 mila miliardi di dollari.

Forse ti può anche interessareI 5 settori azionari che batteranno l’S&P 500 nel 2024

Sesto record storico per l’S&P 500 nelle ultime settimane

Il recente crollo della borsa di Milano (e di quelle europee) non ha avuto niente a che fare con Wall Street. Mentre i mercati azionari del Vecchio Continente andavano sotto a causa dell’incertezza creata dall’esito delle elezioni europee (la Francia è in pieno caos politico), l’S&P 500 macinava record su record.

E’ la grafica a dirlo. Dal 5 giugno scorso, il più importante indice della borsa Usa ha messo in fila ben 6 record (compreso quello di ieri). Quando si verifica una situazione di questo tipo è palese che il sentiment sia positivo.

Come accennato in precedenza, il problema ora è solo strategico. Le opzioni sono due: o l’indice è cresciuto tanto e quindi potrebbe scattare un ritracciamento oppure il rally è destinato a proseguire.

Qui entrano in gioco i target degli analisti. Il prezzo obiettivo medio dell’S&P 500 per il 2024 è oramai del 20 per cento più basso rispetto a quello raggiunto dal paniere. Non c’è quindi potenziale di upside anche se, almeno secondo alcuni analisti come ad esempio Goldman Sachs, non tutto sarebbe in discesa visto che ci sarebbe ancora un margine di rialzo nei prossimi mesi.

Ad ogni modo dalla risposta alla domanda su cosa fare con l’S&P 500 dipende la strategia che si può andare ad adottare. Con strumenti come i CFD si può tranquillamente operare in entrambe le situazioni quindi sia con prospettive al rialzo che con prospettive al ribasso. Nel primo caso si opterà per il long trading mentre nel secondo per lo short trading. A prescindere dalla direzione, i CFD sugli indici consentono sempre di operare con la leva finanziaria aumentando la portata dell’investimento (ma salgono anche i rischi).

Per fare trading con i CFD su indici come l’S&P 500 si possono usare i classici broker ma anche banche italianissime come ad esempio Fineco. Tra l’altro proprio Fineco vanta un primato di tutto rispetto: è la banca con la miglior piattaforma trading in Italia.

La qualità del trading N.1 Fineco
SCOPRI DI PIÙ Sul sito di Fineco
  • 100% trading, senza compromessi
  • N.1 in Italia
  • Regime Fiscale Amministrato
  • 0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
Avviso: il tuo capitale è a rischio

Azioni Apple e Microsoft valgono 95 volte in più la media dell’S&P 500

Come accennato in precedenza, è stato l’entusiasmo per le prospettive di intelligenza artificiale a galvanizzare titoli come Apple e Microsoft il cui rally ha spinto l’S&P 500 ai massimi storici. Quando tutto un indice si infiamma, come accaduto ieri, anche titoli che non hanno particolarmente brillato, vengono investiti dall’effetto domino. Proprio questo è ciò che è accaduto a Tesla, le cui azioni hanno segnato un aumento del 5 per cento in una sola seduta salendo ai massimi delle ultime sette settimane. Performance molto buona anche per il colosso dei semiconduttori Broadcom che con un rialzo del 5 per cento è salito a nuovi massimi.

Ma torniamo alle quotate da cui tutto ha avuto origine: Apple e Microsoft.

I numeri sono impressionanti. Oggi le due quotate assieme valgono 96 volte in più rispetto al valore medio di mercato di tutto l’S&P 500. Considerando pure la regina dell’intelligenza artificiale, NVIDIA e la sua market cap pari a 3,2 mila miliardi di dollari, si arriva al 20 per cento della capitalizzazione totale di tutto l’S&P 500. In poche parole tre soli titoli pesano per un quinto della market cap totale dell’indice. Siamo allo storia.

Tra le due quotate della premiata accoppiata che ha portato l’S&P 500 al sesto massimo storico, ad impressionare di più è stata Apple.

Concentrarsi sul titolo di Cupertino può essere una buona alternativa al trading con i CFD sull’S&P 500. Il motivo è semplice: le azioni Apple sembrano avere un margine di rialzo più sicuro dell’indice di borsa nel suo complesso.

E allora largo appunto all’analisi delle azioni Apple.

Azioni Apple volano dopo l’annuncio sull’intelligenza artificiale

Ricostruiamo la catena degli eventi. Lo scorso lunedì 10 giugno, il management della quotata ha scosso il mercato annunciando l’integrazione dell’intelligenza artificiale generativa negli iPhone. I trader sembravano non attendere altro anche perchè fino a prima le azioni Apple erano state nelle retrovie subendo il ritmo degli altri colossi tech di Wall Street.

Ad ogni modo arriva l’annuncio sull’intelligenza artificiale ed ecco che scatta la corsa all’acquisto. In pratica dal giorno della grande novità il titolo Apple è salito di ben il 12 per cento sprigionando euforia su tutto l’S&P 500. Grazie al forte rialzo, nel giro di una settimana, la market cap del colosso di Cupertino è salita di altri 350 miliardi di dollari. L’aspetto più interessante di questa dinamica è che il rialzo potrebbe ancora non essere finito.

Il treno non è quindi passato e potrebbe essere proprio questa l’occasione giusta per comprare azioni Apple.

Per farlo si possono usare broker come ad esempio Dukascopy e banche come Fineco. Nel primo caso si useranno i CFD sulle azioni Apple nel secondo caso è anche possibile l’acquisto di azioni reali.

  • Fineco: la banca con la migliore piattaforma trading in Italia consente di comprare azioni reali e al tempo stesso di fare trading con i CFD e con i più esclusivi super CFD sia sulle azioni che sugli indici di borsa. Due i tipi di conto che Fineco propone tra cui il nuovo conto di solo trading senza costi fissi che è ideale per i trader principianti.
La qualità del trading N.1 Fineco
SCOPRI DI PIÙ Sul sito di Fineco
  • 100% trading, senza compromessi
  • N.1 in Italia
  • Regime Fiscale Amministrato
  • 0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
Avviso: il tuo capitale è a rischio

  • Dukascopy: broker CFD con l’affidabilità di una banca svizzera, permette di fare trading con una leva fino a 1:30. Si tratta di un broker ECN con liquidità che proviene da molte banche. La trasparenza assoluta delle quotazioni e gli spread molto competitivi sono le due ragioni per cui anche in Italia in tanti scelgono Dukascopy.
PIATTAFORMA ALL'AVANGUARDIA Dukascopy
APRI DEMO LIVE Sul sito di Dukascopy
  • Conto Demo ECN gratuito - data feed completo
  • Bank of Latvia
  • Forex e CFD
  • Deposito minimo: 100 dollari
Avviso: il tuo capitale è a rischio

Questo contenuto non deve essere considerato un consiglio di investimento. Non offriamo alcun tipo di consulenza finanziaria. L’articolo ha uno scopo soltanto informativo e alcuni contenuti sono Comunicati Stampa scritti direttamente dai nostri Clienti.
I lettori sono tenuti pertanto a effettuare le proprie ricerche per verificare l’aggiornamento dei dati. Questo sito NON è responsabile, direttamente o indirettamente, per qualsivoglia danno o perdita, reale o presunta, causata dall'utilizzo di qualunque contenuto o servizio menzionato sul sito https://www.borsainside.com.

Migliori Piattaforme di Trading

Broker del mese
Deposito minimo 100$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Guadagna fino al 5,3% di interessi annui
Broker del mese
Deposito minimo ZERO
N.1 in Italia
Regime Fiscale Amministrato
0% CANONE MENSILE DI GESTIONE
SCOPRI DI PIÙ Fineco recensioni » * Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
Deposito minimo 100$
Bank of Latvia
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89% dei trader retail perdono denaro quando fanno trading di CFD.