Azioni risparmio gestito: promossi e bocciati dopo i dati sulla raccolta di novembre

Azioni risparmio gestito: promossi e bocciati dopo i dati sulla raccolta di novembre
© iStockPhoto

Il punto degli analisti sulle azioni Azimut, Anima, Banca Generali e FinecoBank dopo la pubblicazione dei dati sulla raccolta netta

CONDIVIDI

La pubblicazione dei rispettivi dati sulla raccolta netta nel mese di novembre rappresenta una buona occasione per fare il punto sull'andamento delle azioni del risparmio gestito sui listi di Borsa Italiana. I titoli che passerò in rassegna sono: Azimut Holding, Anima Holding, Banca Generali e FinecoBank

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Guadagnare investendo da casa ? Con la rivoluzione del Social Trading vedi chi sono i migliori investitori trader italiani e del mondo e inizi a copiare automaticamente dal loro portafoglio. Conto Demo gratuito per provare senza spendere 1€ Scopri i migliori trader su eToro con un Conto Demo Gratuito >>

Novembre è stato un mese positivo per la raccolta di Azimut che ha registrato un saldo di 355 milioni di euro. Grazie a questo risultato il totale da inizio anno è stato aggiornato a quota 4,2 miliardi. Alla fine del mese di novembre il totale delle masse di Azimut, comprensive del risparmio amministrato, è stato pari a 52,2 miliardi di euro. Secondo gli analisti di Equita, i dati evidenziano una raccolta netta leggermente superiore alle attese. Gli esperti hanno quindi ribadito il rating hold e il target price a 16 euro su Azimut. Nessuna variazione anche per quello che riguarda il giudizio espresso da Banca Akros che ha confermato il rating neutral con target price a 14 euro sulle azioni Azimut. Secondo Banca Imi, però, il titolo potrebbe essere penalizzato dalle prospettive più incerte e dalla visibilità più bassa rispetto ai diretti concorrenti. 

Per quello che riguarda FinecoBank, la raccolta nel mese di novembre è stata pari a 205 milioni di euro, in flessione del 9 per cento rispetto allo stesso mese di un anno. Scorporando il dato complessivo, la raccolta gestita è stata pari a 174 milioni di euro, quella amministrata a 139 milioni e quella diretta è stata negativa per 108 milioni di euro. I dati finali sono stati inferiori alle stime di Equita e per questo motivo la sim si è limitata a confermare il rating hold e il target price a 9,2 euro su FinecoBank. Sulla stessa linea anche Banca Akros che ha ribadito il suo rating a neutral con target price a 9,6 euro.

La raccolta netta di Banca Generali, invece, è stata pari a 205 milioni di euro, con un saldo positivo da inizio anno pari a 4,55 miliardi di euro. La società ha evidenziato che nonostante la presenza di mercati molto volatili, il risultato è stato comunque positivo. Banca Generali ha infatti registrato una crescita delle soluzioni gestite e di risparmio amministrato. Banca Imi ha quindi ribadito il rating add per le azioni Banca Generali con target price a 24,3 euro.

Per finire, Anima Holding ha registrato nel mese di novembre una raccolta positiva per 68 milioni di euro che si traduce in un saldo positivo da inizio anni pari a circa 1,1 miliardi di euro. I risultati ottenuti da Anima sono stati commentati da Banca Imi e da Banca Akros. La prima ha confermato il rating buy con target price a 5,1 euro mentre la seconda ha parlato di risultati sul fronte del risparmio gestito più bassi delle attese. Nonostante questa delusione, però, Banca Imi ha confermato il rating buy e il target price a 5,4 euro.

iQOption
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro