Azimut Holding, FT non convinta della nuova corporate governance

azimut

La nuova governance di Azimut Holding non convince gli analisti del Financial Times - Fm.

CONDIVIDI

La nuova corporate governance di Azimut Holding non sembra convincere il Financial Times – Fund management, che in una nota definisce una “idra a cinque teste” il nuovo modello prescelto per la compagnia presieduta da Pietro Giuliani, come scaturito dall’assemblea degli azionisti tenutasi la scorsa settimana.

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Con la rivoluzione del Social Trading scopri chi sono i migliori trader italiani e del mondo e inizia a copiare automaticamente le prestazioni del loro portafoglio di trading. Demo gratuita da 100.000€  Scopri i migliori trader >>

Stando a quanto riepiloga la nota societaria, nel nuovo board Gabriele Blei sarà il CEO, affiancato dai co-CEO con deleghe specifiche al marketing Paolo Martini, all’amministrazione e alla finanza Alessandro Zambotti, alla distribuzione Massimo Guiati e all’asset management Giorgio Medda.

Nel suo commento, FT scrive che le leadership congiunte nel mondo del risparmio gestito non sono così diffuse e popolari presso gli investitori e gli specialisti di governance per gli scontri potenziali sulle strategie fra i co-CEO.

A supporto delle proprie interpretazioni, il FTfm ha citato diversi esempi, come quelle delle co-leadership di breve termine a Standard Life Aberdeen e Janus Henderson, e l’opinione di Mediobanca, con l’analista Gianluca Ferrari che si è definito piuttosto scettico sulla nuova governance di Azimut Holding, aggiungendo che i regolatori potrebbero non trovare tale modello appropriato, e che la scelta migliore sarebbe probabilmente dovuta essere quella della nomina di un solo CEO di alto profilo.

Naturalmente, pronta è stata la replica di Azimut, con lo stesso Giuliani che ha spiegato come i 5 co-CEO abbiano alle spalle una lunga serie di obiettivi raggiunti, e che l’attuale quotazione del titolo Azimut (con la compagnia che è capitalizzata intorno a 2,4 miliardi di euro) rimane pur sempre sottovalutata per Giuliani. “Il DNA di Azimut – ha poi aggiunto il presidente – è di essere indipendenti. Non vedo come qualsiasi operatore italiano possa presentare un’offerta di acquisto che possa costruire valore per i nostri azionisti”.

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Trader Indipendente. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro