Il 2019 è stato un anno record per i certificati. E per il 2020? Le previsioni di Acepi

Il 2019 è stato un anno record per i certificati, come suggellato dai dati di Acepi (Associazione italiana certificati e prodotti di investimento), e dalle parole del suo presidente, Nicola Francia.

Stando a Francia, infatti, i dati raccolti dall’Associazione tra gli emittenti italiani (Banca Akros, Banca Imi, Bnp Paribas, Mediobanca, Societe Generale, Unicredit e Vontobel), dimostrano collocamenti superiori ai 17 miliardi di euro, con un aumento del 55% rispetto al 2018. Su tale importante volume, praticamente equivalente è la distribuzione tra prodotti a capitale protetto (51%) e condizionatamente protetto (49%).

[[[ Leggi anche: Come e dove investire oggi, guida e consigli per riuscirci senza problemi ]]]

Nel triennio, prosegue ancora Acepi, la crescita dei volumi è stata costante per i prodotti a capitale protetto (41% nel 2017, 46% nel 2018 e 51% nel 2019), mentre costante è la flessione per i prodotti a capitale condizionatamente protetto (da 59% a 54% nel 2018, 49% lo scorso anno). Secondo Acepi, questa evoluzione può essere spiegata dalla crescente esigenza di protezione degli investitori.

E il 2020?

Secondo Acpi, i dati del primo trimestre dimostrano che l’anno è partito bene con volumi in linea con quelli del 2019. Diversa allo scorso anno è invece la composizione del mix dei volumi tra le principali tipologie di certificati, con una netta preponderanza degli strumenti a capitale condizionatamente protetto.

Si è dunque concretizzata una minore ricerca i protezione del capitale da parte degli investitori, anche in seguito allo slancio dei mercati azionari di inizio anno. Certo, poi è avvenuto ciò che tutti ben conosciamo, con l’avvento della pandemia da coronavirus che ha turbato e non poco lo scenario degli investitori, e dunque sarà molto interessante capire come cambieranno i dati nel secondo trimestre 2020.

Per il momento, però, una cosa è certa: negli ultimi anni i certificati hanno ottenuto un crescente successo e il presidente di Acepi non sembra avere grandi dubbi sulle loro determinanti.

[[[ Leggi anche: Come investire oggi, consigli e migliori siti ]]]

In particolare, il motivo principale che ha determinato la notevole crescita dei volumi in questi anni va ricercato nel rendimento basso o negativo del mercato obbligazionario, a fronte di un’ampia offerta di certificati che soddisfa gli obiettivi di rendimento degli investitori non solamente in condizioni di mercato rialzista, quanto anche laterale o moderatamente ribassista.

Un altro elemento di vantaggio dei certificati è quello di poter ottenere delle cedole periodiche, di entità sicuramente superiori rispetto a quelle che si possono ottenere sul mercato obbligazionario. Ancora, non vanno dimenticate le plusvalenze che possono essere ottenute, e che possono anche essere utilizzate in compensazione con le minusvalenze presenti nello zainetto fiscale.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Certificates

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.