Pensione a 62 anni: quando e come è possibile?

Ancora una volta torniamo a parlare di Pensione e della possibilità di poterci andare a 62 anni.

Quante volte hai sentito parlare di riforma pensione? Quante volte hai desiderato andare in pensione a 62 anni? E Quota 100, cos’è?

Certamente sono tante le domande che ogni giorno, quasi tutti, ci poniamo per trovare un escamotage per andare in pensione in tempo brevi.

Oggi possiamo dire che è possibile andare in pensione a 62 anni se si è maturato un periodo minimo contributivo pari a 38 anni.

In alternativa si potrà parlare di pensione con quota 41 o in alternativa ricorrere alla pensione anticipata.

>>Resta aggiornato e segui le ultime News sulle pensioniPensioni News: Ultime sulle Pensioni, sulle Pensioni Precoci e sulle Pensioni Quota 100

Pensione a 62 anni: quando e come è possibile?

Ma tralasciamo per un minuto tute le riforme pensione e concentriamoci su un unico aspetto: pensione a 62 anni.

Nel caso in cui 62 anni vi sembra un’età ragionevole per andare in pensione, allora non perdete quanto di seguito abbiamo da raccontarvi. Lo possiamo fare oggi alla base di tutte le novità introdotte, con il chiaro intento di comprendere bene quale sia il momento migliore per uscire dal mondo del lavoro e godersi finalmente la pensione.

Sarà possibile per tanto ritirarsi dal lavoro e percepire una pensione non oltre il compimento dei 62 anni di età.

Nello specifico, parlando di pensione a 62 anni viene subito da pensare a Quota 100, ossia la nuova misura per il pensionamento anticipato più flessibile rispetto alle precedenti riforme che permette a tutti i lavoratori che hanno maturato 38 anni di contribuzione di poter andare in pensione con 5 anni di anticipo rispetto a quanto previsto per la pensione di vecchiaia: 67 anni di età e 20 di contribuzione.

E’ possibile andare in pensione con Quota 100 ma anche a 62 anni con Quota 41 e con la pensione anticipata Inps, nonostante ci sono dei limiti ben precisi.

>>Approfondimento: Posso andare in pensione con Quota 100 e 39 anni di contributi? Come viene calcolato l’assegno?

Pensione Quota 41

Se si vuole andare in pensione con 62 anni di età e quota 41, allora si devono possedere determinati requisiti:

  • essere lavoratori precoci;
  • rientrare all’interno di una delle seguenti categorie:
    • disoccupati;
    • invalidi;
    • caregivers;
    • lavoratori usuranti;
    • lavori gravosi.

La misura che il Governo avrebbe dovuto attuare nella riforma delle pensioni vi è anche Quota 41 per tutti i lavoratori, la quale dovrebbe essere operativa per tutti a partire dal 2021.

Essa prevede la possibilità di accedere alla pensione con 41 anni di contributi ed essere considerato come lavoratore precoce (ossia aver maturato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento del 19° anno di età) e rientrare in uno dei profili suddetti.

>>Leggi anche: Pensione anticipata Stop Legge Fornero: Requisiti, Quota 100, Quota 41

Pensione anticipata

Invece, possiamo parlare di pensione anticipata, e in questo caso si può andare in pensione a 62 anni, solo se avete iniziato a lavorare da giovani e aver mantenuto una carriera lavorativa stabile visto che il requisito contributivo richiesto è piuttosto elevato.

A 62 anni è anche possibile (ma non semplice) accedere alla pensione anticipata Inps e in questo caso non è richiesta un’età anagrafica precisa, in quanto basta solo aver maturato un determinato numero di contributi. La tabella sotto riporta i dettagli per l’anno in corso:

  • 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini;
  • 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne.

Si potrà accedere alla pensione anticipata nel 2019 solo se si è iniziato a lavorare all’età di 19 anni (20 anni per le donne) e aver mantenuto una carriera lavorativa stabile e senza interruzione alcuna.

Pensione Opzione donna

C’è poi una quarta opzione, la quale però viene riservata esclusivamente alle lavoratrici ed è stata prorogata dalla Legge di Bilancio 2019.

Da quanto detto sembra intuibile che la misura in oggetto viene riservata esclusivamente alle donne e come tale è solo una misura sperimentale che il Governo ha deciso di prorogare anche per il 2018 consentendo alle lavoratrici di andare in pensione all’età di 58 anni con 35 anni di contributi maturati.

È importante sottolineare invece che si potrà accedere ad Opzione Donna solo a determinate condizioni; accettare il ricalcolo contributivo dell’assegno previdenziale che sulla base della posizione contributiva dell’interessata, può comportare una penalizzazione più o meno elevata.

>>Leggi anche: Bomba sulle Pensioni: INPS e rischio fallimento. Cosa succede per Quota 100, Quota 41 e Riforma Fornero?

In pensione a 62 anni con Quota 100

Quota 100 sappiamo bene essere la misura che permette di andare in pensione anticipatamente con il compimento del 62° anno di età e 38 anni di contribuiti.

Si nota che il requisito contributivo non diminuisce all’innalzamento dell’età pensionabile, quindi anche chi nel 2019 chi compie 63 anni dovrà soddisfare 38 anni di contributi per andare in pensione.

Nel caso in cui invece si arriva a 67 anni, invece, bastano 20 anni di contributi per andare in pensione, ma in questo caso si parla di pensione di vecchiaia.

Quota 100 è possibile solo per anticipare il pensionamento senza applicazione di riduzioni o penalizzazioni sull’assegno previdenziale. L’assegno non presenta nessuna decurtazione.

>>Leggi anche: Quota 97,6: pensione a 61 anni (e 7 mesi) per i lavori usuranti

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Fisco

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.