Azioni STM crollano: tracollo FANG a Wall Street trascina anche Borsa Italiana

Azioni STM crollano: tracollo FANG a Wall Street trascina anche Borsa Italiana
© Shutterstock

Il crollo delle azioni tech sul Nasdaq scatena la corsa a vendere azioni STMicroelectronics sul Ftse Mib oggi

CONDIVIDI

E' corsa a vendere azioni STMicroelectronics (o STM nella forma abbreviata) su Borsa Italiana oggi. La quotazone della società tech registra un ribasso di oltre 5 punti percentuali a quota 18,1 euro dopo aver toccato un minimo a quota 18,08 euro. Come emerge dal grafico giornaliero sull'andamento del titolo STM, il supporto in area 18 euro per ora sembra reggere ma il volume delle vendite è così forte che una discesa sotto questo livello nella seduta di oggi di Borsa Italiana non può a questo punto essere escluso. STMicroelectronics è la peggior azione sul Ftse Mib e, ovviamente, le forti vendite che interessano il titolo, determinano un allargamento del passivo del più importante indice azionario di Piazza Affari che, in questo momento, segna un ribasso di oltre 1 punto percentuale a quota 22010 punti. Nella lista delle peggiori azioni su Borsa Italiana oggi figurano anche Fiat Chrysler Automobiles e Ferrari, entrambe con un ribasso di circa il 3%. 

E' però soprattutto il crollo delle azioni STM a fare scalpore anche perchè, a seguito proprio del sell-off in corso sulle azioni, la performance di STMicroelectrnics su base mensile è ora negativa per oltre 3 punti percentuali. Il crollo della quotazione STM, però, è tanto forte quanto atteso. I traders più attenti alle indicazioni del premarket e ai trend in arrivo da Wall Street, infatti, avevano previsto un'apertura molto negativa per STMicroelectronics scommettendo su un ribasso del prezzo delle azioni. La strategia short era la sola possibile su Borsa Italiana oggi alla luce del pesante crollo dell'indice Nasdaq, il paniere dei tecnologici della borsa Usa. Il Nasdaq, infatti, aveva chiuso la seduta con un calo del 2,9% circa causato dal crollo delle azioni cosiddette FANG. I titoli dei colossi del web sono infatti affondati nell'ultima seduta di Wall Street. Ad essere oggetto di forti vendite sono state, in particolari, le azioni Facebook il cui prezzo ha perso un ulteriore 4,9% del suo valore. Il nuovo crollo di Facebook, che va ad allungare la lista dei recenti forti ribassi della quotazione FB è stato determinato dalla decisione degli analisti di Bank of America di tagliare il target price sul titolo Facebook per la seconda volta in appena due giorni. Il downgrade sul prezzo obiettivo, che riduce le ambizioni di crescita della quotazione, ha avuto un immediato effetto domino su tutti gli altri titolo FANG e, più in generale su tutti i titoli tech. A chiudere con veri e propri crolli sono stati Twitter, già al centro di forti vendite la scorsa settimana, ma anche Tesla e e NVIDIA con quest'ultima che ha pagato le indiscrezioni di stampa relative ad una possibile sospensione dei test sulle auto a guida automatica. 

Il crollo di STM sul Ftse Mib è maturato proprio alla luce di questo contesto di fondo che era, proprio per la sua chiarezza, facilmente prevedibile. Difficile dire se la quotazione STM possa recuperare il terreno perso. La notizia dello stop ai test sui veicoli automatici da parte di NDIVIA, dopo che un incidente ha provocato la morte di una donna, è dura per la società italiana di microchips. 

logo
TradinGo ! Il nuovo canale TELEGRAM gratuito con Opportunità di Trading e Analisi giornaliere offerte da Andrea Di Marco - Team XTB. ISCRIVITI - è GRATIS !
Mi Iscrivo Gratis
Redazione Borsainside ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

etoro