Azioni Unicredit e crollo sotto 14 euro: allert dopo tracollo Lira Turca, prezzi ora convenienti

Venerdì nero anzi nerissimo per le azioni unicredit. La quotazione della banca italiana registra sul Ftse Mib oggi un ribasso di oltre il 3% muovendosi attorno ai 14 euro. Mentre è in corso la scrittuta di questo articolo, Unicredit occupa il primo posto tra le peggiori azioni dell’indice azionario di riferimento di Borsa Italiana. Come si evince dall’osservazione del grafico in tempo reale, il prezzo delle azioni Unicredit è sceso nel corso sell’ultima di Ottava in corso, sotto la quota psicologica dei 14 euro. Il minimo intraday è stato raggiunto a 13,85 euro. Logicamente il crollo di Unicredit ha avuto un impatto anche sui corsi mensili della società. Il valore delle azioni UCG nel corso dell’ultimo mese ha segnato un calo del 5,45%. Il tracollo di Unicredit sul Ftse Mib non è un caso isolato. Il principale indice azionario di Borsa Italiana oggi segna un calo molto forte con tutte le azioni in ribasso ad eccezione di Unipol e UnipolSAI.

Gli elementi che condizionato in modo negativo il mercato italiano sono più di uno. C’è quindi un sentiment negativo che impedisce ogni avversione al rischio significativa. Nel caso del crollo di Unicredit oggi c’è però anche dell’altro. A determinare il tracollo, infatti, sono le notizie sulla Turchia o meglio sul caos turco. Il crollo della Lira Turca, arrivata ai minimi nei confronti del Dollaro Usa a causa dell’introduzione di pesanti sanzioni da parte degli Stati Uniti contro Ankara, ha sollevato un polverone molto preoccupante. La Turchia è in pratica svivolata in piena crisi finanziaria e, mentre proseguono le trattative nell’ambito di quella che all’origine era solo una crisi diplomatica Usa-Turchia, esperti e analisti si chiedono cosa potrebbe adesso avvenire e quali potrebbero essere le conseguenze. 

Ci si starà chiedendo cosa centri Unicredit con il caos turco di queste ore. Purtroppo la banca guidata da Mustier centra e anche tanto. Il Financial Times, infatti, afferma che dalla Banca Centrale Europea sarebbe già arrivato un allert sull’esposizione delle banche europee nei confronti della valuta turca. Per farla breve ci sono molte banche europee che sono esposte nei confronti del debito turco e tra queste c’è appunto Unicredit. 

Piazza Gae Aulenti è inserita in un elenco short di banche che potrebbero presto fare i conti con il deprezzamento continuo della Lira Turca. La valuta di Ankara ha già perso il 50% nel corso del 2018 e la spinta ribassista, in assenza di soluzione politica, potrebbe non essere ancora finita. Nell’elenco delle banche più esposte al debito turco, oltre ad Unicredit, ci sono anche Banco Bilbao Vizcaya Argentaria e BNP Paribas. Secondo il FT le banche spagnole hanno un’esposizione complessiva verso la Turchia pari a 83,3 miliardi di dollari; gli istituti francesi di 38,4 miliardi di dollari e le banche italiane di 17 miliardi di dollari.

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.