etoro

Perchè Coinbase è crollata? Azioni subiscono pump and dump

Perchè Coinbase è crollata? Azioni subiscono pump and dump
© iStockPhoto

Manager e insider trader vendono azioni Coinbase dopo la quotazione e il valore dell'exchange precipita a 330 dollari

Resta sempre molto alta l'attenzione degli investitori sulle azioni Coinbase. Il noto exchange di criptovalute ha debuttato a Wall Street lo scorso 14 aprile mettendo a segno subito un forte balzo. Nei giorni successivi è stata poi la volatilità a caratterizzare il titolo fino ad arrivare al periodo attuale che sembrerebbe essere caratterizzato da un assestamento su valori contenuti. 




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

Per avere un'idea della dinamica di prezzo che ha caratterizzato Coinbase dal giorno dell'inizio delle quotazioni ad oggi, è sufficiente analizzare il grafico in basso. Come si può vedere dalla curva, il valore delle azioni Coin è passato dagli oltre 400 dollari del 14 aprile agli attuale 330 dollari. La flessione c'è e si vede anche limitando l'analisi solo alle ultime sedute. 

Domanda a questo punto inevitabile: perchè il valore di Coinbase è crollato? Cosa ha spinto gli investitori a vendere il titolo dopo l'euforia dei primi giorni di quotazione?

LEGGI ANCHE -  Comprare azioni Coinbase: quotazione sulle montagne russe, come investire

Secondo alcuni analisti le vendite che hanno caratterizzato il titolo nell'ultimo periodo sono una classica manifestazione del fenomeno noto come pump and dump nel corso del quale sia i vertici della società che gli inseder trader vendono dopo la quotazione. 

E in effetti se si guardano gli ultimi eventi, si possono trovare molte notizie su operazioni pump and dump che hanno riguardato le azioni Coinbase. Prima di analizzare queste news ricordiamo che grazie al CFD Trading anche eventuali deprezzamenti di un titolo possono essere usati per investire (in questo caso al ribasso). 

Nel caso specifico che stiamo trattando, il ribasso di Coinbase può essere usato per fare short trading. Vuoi imparare ad investire al ribasso sulle azioni Coin? Se non lo hai mai fatto ti consigliamo di leggere la nostra guida su come fare trading online da zero e di fare prima pratica con un conto demo. Per operare puoi ad esempio scegliere il broker eToro (qui la recensione) che oltre all'account demo gratuito consente anche di fare trading senza commissioni sulle azioni

Con eToro non dovrai pagare commissioni nel trading sulle azioni>>>inizia dal conto demo gratuito, clicca qui

Principali azionisti Coinbase: novità dopo la quotazione

Secondo i dati della Capital Market Laboratories, alcuni primi investitori e dirigenti dell'exchange hanno venduto il titolo Coinbase già poco dopo la sua quotazione diretta sul Nasdaq. Poichè gli azionisti rilevanti hanno in mano quote molto consistenti del capitale di Coinbase, questo spiega il motivo per cui il titolo è andato così in rosso negli ultimi giorni. 

Ma parliamo di numeri. Secondo i doumenti di CML (che riguardano, però, solo le operazioni di vendita e non l'acquisto di azioni aggiuntive), gli insider avrebbe ceduto qualcosa come 12.965.079 azioni Coin, pari a oltre 4,6 miliardi di dollari alla luce del prezzo di chiusura di Coinbase nella seduta di venerdì che è stato pari a 344,38 dollari. 

La stessa Security Exchange Commission (SEC) ha anche comunicato che la CFP dell'exchange Alesia Haas ha ceduto ben 255.500 azioni Coin ad un prezzo unitario di 388,73 dollari. Anche il CEO Brian Armstrong ha affettuato azioni di pump and dump sul titolo Coin cedendo ben 749999 azioni addirittura in tre diverse transazioni. In questo caso il corrispettivo complessivo è stato pari a 292 milioni di dollari. 

Tuttavia, secondo quanto dichiarato da un rappresentante di Coinbase, a Cointelegraph, la quota azionaria percentuale di ogni dirigente del management della società non è indicata in questi servizi di monitoraggio e le vendite solo solo una frazione della proprietà di dirigenti e insider. 

Secondo Form 4, a seguito delle operazioni che sono state condotte, l'amministratore delegato di Coinbase è ancora titolare di 300.001 azioni per un valore di oltre 1 miliardo di dollari. Prima delle operazioni, però, il CEO  aveva in mano il 2 per cento delle quote, pari a 36.851.833 azioni. 

Al di là delle specifiche sui numeri, è evidente che ci siano stati forti movimenti nell'azionariato di Coinbase. Quando essi avvengono, i margini per speculare attraverso i CFD si ampliano e ciò crea le condizioni per aprire posizioni sul titolo. Puoi esercitarti a farlo partendo dal conto demo eToro disponibile in basso (non serve lasciare il sito). 

>>>Investi in azioni con i CFD: apri un conto demo eToro, è gratis>>>clicca qui

E se il tuo orizzonte di investimento è più sul lungo termine? In questo caso può essere molto utile leggere le previsioni azioni Coinbase 2021

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

BDSWISS