Le 17 Migliori azioni da comprare nel 2023

azioni da comprare

Il 2023 è oramai archiviato e l’attenzione dei trader che operano sull’azionario è già rivolta al nuovo anno. Le aspettative sono molto incoraggianti perlomeno nel confronto con i mesi passati. Se negli ultimi tempi l’andamento ribassista delle borse era scontato, da gennaio 2023 si potrebbero aprire spiragli molto interessanti per investire in azioni.

In questo articolo andremo alla ricerca delle migliori azioni da comprare nel 2023.. La nostra analisi riguarderà Borsa Italiana (con focus sul Ftse Mib) e successivamente Wall Street (principali indici). I titoli riportati sono delle idee di investimento in borsa che i lettori possono tenere in considerazione nella composizione dei loro portafogli. La scelta dei titoli su cui investire nel 2023 da noi eseguita non è basata sul caso ma tiene conto di almeno due elementi fondamentali: il livello dei prezzi e le prospettive del settore di riferimento.

A scanso di equivoci evidenziamo come la lista sulle migliori azioni del mese da comprare sia in costante aggiornamento.

PARTI DALLE BASI>>> Comprare azioni: una guida rapida su come investire

Come investire in azioni nel 2023

Fino ad ottobre il 2022 è stato un anno difficilissimo per le borse di tutto il mondo. L’illusione di una ripresa robusta dopo la pandemia di covid19 si è scontrata con una durissima situazione avversa. Se ad inizio anno le prospettive peggiori parlavano un incremento transitorio dell’inflazione, nel giro di pochi mesi ai mercati non è rimasto da fare altro che prendere atto del repentino peggioramento delle stime di inflazione.

Si così passati dalla tutto sommato tranquilla prospettiva di un rialzo dei prezzi al consumo limitato, ad uno scenario caratterizzato da alta inflazione per un lungo periodo di tempo. Le banche centrali hanno iniziato ad incrementare i tassi di riferimento ponendo la lotta al rally dell’inflazione al primo posto della loro agenda. Ciò ha causato il crollo delle borse e il forte deprezzamento di molti titoli.

Purtroppo il quadro si è ulteriormente aggravato a causa dello scoppio della guerra tra Russia e Ucraina. Il successivo scontro tra Mosca e l’Occidente ha causa il rally dei prezzi delle materie prime e il conseguente aumento esponenziale dei costi energetici. Le ricadute su una inflazione già in forte ascesa sono state inevitabili.

In questo contesto capire come comportarsi sui mercati azionari non è semplice. Se fino ad ottobre la tesi prevalente era di tipo attendista, quindi non comprare azioni perlomeno fino a quando non ci sarebbero stati chiari segnali di una possibile inversione di tendenza da parte dei mercati; novembre è stato quel mese di passaggio da tempo atteso. E nel 2023 cosa avverrà?

Attenzione: anche nei mesi passati ci sono state fasi di rimbalzo da parte delle borse di tutto il mondo, con titoli che dopo aver fatto i conti con forti deprezzamenti, sono riusciti a risalire. Ebbene questi momenti di recupero non vanno confusi con una inversione di tendenza da parte dei mercati. Occhio quindi a non commettere questo errore quando si decide di investire in azioni. Per il trader che agisce in ottica investimento non è sufficiente fare trading sui rimbalzi momentanei (attività tra l’altro molto rischiosa) ma è necessario comprare azioni nel preciso momento in cui i loro prezzi iniziano a cambiare trend.

Ebbene se è vero che anche a dicembre il clima sui mercati non sarà privo di tensioni, è altrettanto vero che sia su Borsa Italiana che a Wall Street si intravedono azioni che conviene comprare.

Tra l’altro ricordiamo che oggi si può acquistare azioni senza commissioni grazie a broker come eToro.

Apri un conto eToro e inizia a comprare azioni a zero commissioni>>>clicca qui per iniziare

etoro zero commissioni

Elementi da considerare prima di comprare azioni nel 2023

La capacità dei mercati di lasciarsi alle spalle il sentiment fortemente negativo dei mesi scorsi dipenderà dal peso di almeno 5 fattori:

  • andamento dell’inflazione>>> l’inflazione ha raggiunto o no il suo picco massimo?
  • politiche monetarie>>>le banche centrali continueranno ad alzare i tassi di riferimento? Per quanto tempo
  • costi delle materie prime>>>il prezzo del petrolio salirà dopo il maxi taglio OPEC+?
  • rischio recessione>>>quali saranno i paesi che faranno i conti con un calo della loro economica (ecco le azioni da comprare durante una recessione)
  • guerra tra Russia e Ucraina>>> ci saranno spiragli di pace o no?

Questi 5 elementi condizioneranno le borse anche a dicembre 2022. Questi 5 fattori sono da tenere in considerazione per scegliere le migliori azioni da comprare il prossimo mese.

Mercato azionario gennaio 2023: novità & tendenze

Pur muovendosi in linea con continuità con lo scorso anno, il 2023 aperto con interessanti indicazioni in arrivo dalla FED.

L’ultimo summit del Fomc della Federal Reserve si è chiuso con un aumento dei tassi di riferimento di soli 50 punti. Per la prima volta da mesi non c’è stato un rialzo del costo del denaro di 75 punti base. Se i dati sull’inflazione nel mese di dicembre dovessero confermare che i prezzi al consumo Usa hanno raggiunto il loro picco massimo, non ci dovrebbero essere problemi per una ulteriore attenuazione dell’aggressività monetaria che la FED ha fin qui evidenziato.

Oltre all’inflazione Usa di dicembre, sono da tenere d’occhio ad inizio 2023 anche i dati in arrivo dal fronte societario. Il nuovo anno di Wall Street partirà subito con il botto. Venerdì 13 verranno pubblicati i conti trimestrali di molte quotate del settore bancario. Le stime degli analisti sono per una flessione degli utili. Lo scenario più ottimistico fa riferimento ad un calo contenuto. Quello più pessimistico da una contrazione più accentuata. Ad ogni modo dopo che per tutto il 2022 è stata l’inflazione a condizionare il mercato azionario globale, nel 2023 sarà la recessione a pesare.

Secondo alcuni report se è scontato che la recessione condizionerà i mercati globali, non è altrettanto sicuro che l’impatto possa essere uniforme nelle varie aree geografiche. L’ipotesi prevalente è che ci possa essere una recessione più forte in Europa e meno marcata in Usa.

Quali sono i titoli che a Milano (Borsa Italiana) e a Wall Street potrebbero beneficiare di questa situazione?

Quali azioni comprare nel 2023

Prima di andare alla ricerca di titoli specifici da acquistare nel 2023, vediamo se è possibile tracciare delle direttrici generali utili per scegliere poi i titoli specifici.

Se c’è un insegnamento che l’attuale crisi ha dato ai trader è che oggi più che mai è il momento della concretezza. I titoli su cui puntare sono quelli che presentano solidi fondamentali e che sono capaci di generare redditività. Inoltre meglio preferire le quotate che hanno, alle spalle, una storia di dividendi solidi e costanti nel tempo.

A livello settoriale, il settore tech è in evidente difficoltà come evidenziato dalle trimestrali dei colossi web di Wall Street.

Soprattutto nella scelta delle migliori azioni da comprare nel 2023 è fondamentale assumere un approccio selettivo grazie al quale è possibile diversificare il proprio portafoglio per renderlo più adatto alle turbolenze attuali.

I titoli deprezzati teoricamente sono interessati ma è necessario vedere praticamente se offrono o meno potenzialità di rialzo.

Migliori azioni italiane da comprare nel 2023

Ecco alcune azioni quotate sul Ftse Mib che, secondo il nostro punto di vista, potrebbero offrire movimenti significativi nel nuovo mese.

Azioni Telecom Italia

Telecom Italia potrebbe essere una delle quotate più interessanti dell’azionariato italiano nel 2023. Il titolo dell’ex monopolista (grafico in alto) scambia in area 0,24 euro, nettamente sopra i minimi a 0,17 euro di metà ottobre. Nonostante il recupero messo a segno nel mese di ottobre, novembre si è rilevato molto problematico e così il titolo si è nuovamente deprezzato. Teoricamente, quindi, i prezzi delle azioni TIM hanno spazio per crescere.

Potrebbero averlo anche praticamente vista la presenza di due catalizzatori molto potenti che potrebbero tenere alto l’appeal sulla quotata per tutta la prima parte del 2023. Da un lato c’è la questione della rete unica della fibra (trattative in pieno svolgimento con il polo guidato dalla Cassa Depositi e Prestiti) e dall’altro che la possibile OPA sulla società (agevolata anche dalle basse attuali valutazioni di borsa).

Inizia ad acquistare azioni a zero commissioni con eToro>>>clicca qui

Azioni Unicredit

Dal settore delle telecomunicazioni a quello bancario, altro titolo che nel 2023 potrebbe essere molto interessante è Unicredit. La banca guidata da Orcel ha chiuso in modo molto positivo il 2022. Attualmente il titolo scambia sotto i 15 euro. Positivi tutti gli indicatori di performance: +17,72 per cento su base mensile e +3,5 per cento su base annua.

Unicredit oggi non è più sui massimi da febbraio ma questo non significa che non ci sia spazio per una ulteriore salita. Il consenso aggiornato raccolto da Bloomberg esprime un target medio a 15,94 euro, con discreto potenziale di upside rispetto alla quotazione attuale. Netto il predominio delle valutazioni di acquisto. Tra le varie banche d’affari che coprono il titolo ci sono infatti 22 rating buy, 7 neutral e nessun sell (vendere).

Recentemente la celebre banca d’affari americana Goldman Sachs ha deciso di effettuare un upgrade sul target price di Unicredit portandolo da 16,25 euro a 19,5 euro. Siamo decisamente sopra le valutazioni attuali di Piazza Gae Aulenti e questo perchè secondo le banca Usa i risultati trimestrale di Unicredit sono stati molto superiori alle attese del consensus. Non solo ma la guidance sugli utili per l’esercizio 2022 è stata alzata e ora ci sono migliori prospettive per il margine di interesse (oltre 9,7 miliardi di euro).

Clicca qui per aprire un conto eToro e comprare azioni a zero commissioni>>>

Azioni Leonardo

Leonardo è uno dei titoli che hanno performato meglio nel corso dell’ultimo anno. Il colosso della Difesa si è indubbiamente rafforzato con lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina (i motivi possono essere facilmente intuiti). Attualmente le azioni Leonardo scambiano a 8,70 euro, in rialzo dell’4,7 per cento nell’ultimo mese e del 27 per cento su base annua.

Nonostante il rally, gli attuali prezzi delle azioni Leonardo esprimono comunque una forte sottovalutazione. Un dato su tutti: il rapporto tra prezzo e utili di Leonardo è più basso di circa il 70 per cento rispetto ai competitors a livello europeo. Al tempo stesso il colosso della difesa ha un livello mdi valutazione basso se si considera che il rapporto tra prezzo e fatturato è pari ad appena lo 0,3 per cento, livello tra i più bassi tra le quotate del Ftse Mib.

Leonardo è un titolo da dividendo ma al momento il suo dividend yield è sottotono essendo addirittura più basso del 2 per cento. Attenzione perchè con un payout inferiore al 20 per cento, con è da escludere che il dividend yield si possa gonfiare.

Per quello che riguarda le valutazioni degli azionisti, il giudizio sulle azioni Leonardo è molto interessante con un prezzo medio che implica un potenziale di upside di oltre il 50 per cento. C’è però un lato negativo rappresentato dalla forte dispersione del prezzo obiettivo medio (oltre il 25 per cento).

Inserisci le azioni Leonardo nel tuo portafoglio trading>>>apri un conto con eToro

Migliori azioni da comprare a Wall Street nel 2023

La borsa americana anche ad inizio farà i conti con l’intenzione della FED di proseguire con il rialzo dei tassi di riferimento. Fino ad ora questa dinamica sta penalizzando soprattutto i settore tech (cresciuto a dismisura negli anni del covid19). Tra i titoli più penalizzato in assoluto c’è Meta che, non a caso, è stata letteralmente travolta dopo l’ufficializzazione della trimestrale.

Se è vero che comprare azioni quando i prezzi sono bassi è sempre una strategia da prendere in considerazione, noi non riteniamo che a novembre possano arrivare grandi cambi di direzione dal comparto. La crisi che Meta sta attraversando è certamente più profonda di quello che appare oggi come pure il ribasso di Alphabet è una pericolosa avvisaglia degli effetti che avrebbe una recessione.

Azioni raccomandate da BofA per il 2023

Iniziamo l’esame delle migliori azioni da comprare nel 2023 con i suggerimenti degli analisti di Bank of America.

Secondo gli analisti sono 11 i titoli Usa da tenere d’occhio nel nuovo anno, uno per ogni settore dell’S&P 500. Le quotate riportate nella lista do BofA dovrebbero sovraperformare il mercato visto che le previsioni S&P 500 2023 restano comunque negative. BofA ha selezionato i titoli tenendo conto di quelli che sono i temi preferiti per il 2023 vale a dire “qualità, valore, generazione di free cash flow, esposizione nazionale rispetto a quella globale, potenziale di crescita dei dividendi”.

Gli analisti prevedono un 2023 sostanzialmente diviso in due parti. Una prima parte dell’anno sarà infatti condizionata dalla recessione a cui seguirà poi una ripresa. In questo contesto gli esperti Usa sono andati alla ricerca dei titoli i cui utili hanno mostrato di essere resistenti alla recessione prevista.

La selezione delle migliori azioni da comprare nel 2023 ha anche tenuto conto del rischio di crowding out, delle prospettive di guadagno dell’ESGMeterTM e di altri fattori di tipo tecnico.

Ecco quindi le migliori azioni 2023 secondo Bank of America con, tra le parentesi, il settore di riferimento:

  • Fox Corp (Servizi di comunicazione)
  • Tractor Supply Company (Settore dei beni di consumo)
  • Walmart Inc (Beni di consumo)
  • Exxon Mobil Corp (Energia)
  • Arch Capital Group Ltd (Finanza)
  • Humana Inc (Assistenza sanitaria)
  • Honeywell International Inc (Industria)
  • Analog Devices Inc (Tecnologia dell’informazione)
  • The Mosaic Company (Materiali)
  • Welltower Inc (settore immobiliare)
  • Duke Energy Corporation (Servizi di pubblica utilità)

11 titoli sono tanti ma è possibile investire su tutte queste quotate da una sola piattaforma e alle migliori condizioni di mercato? La risposta è affermativa. Grazie ad eToro si possono comprare azioni a zero commissioni e con un deposito minimo di soli 50 dollari.

–COMPRA LE MIGLIORI AZIONI USA CON ETORO>>ZERO COMMISSIONI

etoro zero commissioni

Come si può constatare nella lista in alto, tra i titoli indicati da BofA come i potenziali migliori del nuovo anno non ci sono le big tech. In effetti il 2022 per le quotate del settore è stato drammatico e tutto lascia intendere che il 2023 non sarà da meno.

Ecco il nostro punto di vista su tre grandi quotate di Wall Street: Amazon, Tesla e Paypal.

Azioni Amazon

Dicembre è stato il mese degli acquisti di Natale ed è quindi inevitabile che Amazon abbia beneficiato di una certa visibilità. Il titolo oggi scambia a 81 dollari, il 60 per cento in meno su base annua e il 9 per cento in meno mese su mese.

Le valutazioni sono ancora più a sconto dalla pubblicazione di una trimestrale con molte ombre. Amazon ha chiuso il trimestre con un utile per azione pari a 0,28 dollari per azione (ben 0,06 dollari in più rispetto alle stime degli analisti) e ricavi trimestrali che invece si sono fermati a 127,1 miliardi di dollari sotto le attese di 127,76 miliardi di dollari. Le prospettive non sono incoraggianti visto che il management vede i ricavi del quarto trimestre tra i 140 e i 148 miliardi di dollari, nettamente sotto il consensus di 155,1 miliardi di dollari.

Tuttavia Andy Jassy, CEO di Amazon.com Inc, ha dichiarato che gli eventi a sconto hanno ancora tantissima forza attrattiva.

Compra azioni Amazon senza commissioni con eToro>>>clicca qui per iniziare

Azioni Tesla

Le azioni Tesla presentano un profilo di rischio molto alto a causa della particolarità del settore in cui la quotata guidata da Musk operare. Come tanti altri titoli, anche Tesla ha dovuto fare i conti con il forte calo degli indici di borsa. Oggi Tesla scambia a 105 dollari, ben il 64 per cento in meno su base annua. Nell’ultimo mese il titolo dell’auto elettrica ha perso il 39 per cento.

La quotata non ha brillato all’appuntamento con i conti trimestrali. In particolare il fatturato è stato inferiore alle attese degli analisti attestandosi a quota 21,45 miliardi di dollari (in rialzo del 56 per cento su base annua) rispetto ai 21,96 miliardi di dollari previsti alla vigilia. Nel terzo trimestre Tesla ha dovuto fare i conti con difficoltà ad assicurare il trasporto dei veicoli e con l’aumento dei costi logistici.

Vai sul sito eToro e compra azioni Tesla senza commissioni>>>clicca qui

Azioni PayPal

Un terzo titolo che nel 2023 potrebbe fare bene è PayPal. La quotata ha ormai una posizione di forza nel segmento dei pagamenti digitali. Vero è che ci sono molti concorrenti ma chi prova PayPal difficilmente torna indietro e cambia. Come si può vedere dal grafico in basso, il titolo PayPal oggi scambia a quota 76 dollari con un rialzo del 3 per cento su base mensile e un calo del 58 per cento da inizio anno. Stiamo quindi parlando di un titolo molto deprezzato (quindi disponibile a sconto) che però fa riferimento ad una quotata con solidi fondamentali.

Ad inizio novembre PayPal ha reso noti i conti del terzo trimestre 2022. Il secondo trimestre non è andato affatto bene essendosi chiuso con una perdita di 0,29 dollari per azione che si raffronta con il guadagno di 1,01 dollari messo a segno nel secondo trimestre 2021. Male anche i margini con quello operativo che ha segnato un ribasso del 7 per cento. Inutile dire che lo spettro di una recessione è un problema per la società nata dalla scissione con ebay.

Gli analisti sono freddi su PayPal ma, nel lungo termine, potrebbero non mancare spunti interessanti. Dal nostro punto di vista PayPal potrebbe essere tra le migliori azioni da comprare a novembre grazie al detonatore Black Friday.

Anche le azioni PayPal si possono comprare senza commissioni sulla piattaforma eToro (clicca qui).

Titoli preferiti da BofA nel 2022: ecco come è andata alla fine

Per individuare le migliori quotate da comprare nel 2023 abbiamo citato l’analisi di BofA. Questa stessa banca aveva pubblicato un anno fa un elenco con i titoli preferiti nel 2022. Ma come è andata? In che misura Bank of America è riuscita ad individuare le quotate migliori nello scorso anno?

Tanto per iniziare i titoli consigliati da BofA lo scorso anno erano: Walt Disney Company, (servizi di comunicazione), BorgWarner Inc, (beni di consumo), Mondelez International Inc (beni di consumo), Exxon Mobil Corp (energia), Wells Fargo & Company (finanza), CVS Health Corp (sanità), ETN (industria), FFIV (informatica), EMN (materiali), WELL (immobiliare) e NRG (servizi di pubblica utilità).

Ebbene le 11 azioni consigliate da BofA lo scorso anno sono riuscite a sovraperformare il paniere l’S&P 500 dell’8,6 per cento dalla pubblicazione dello scorso anno e dell’8,5 per cento dall’inizio del 2022. Un risultato niente male se ci considera la peformance negativa di molte quotate della borsa americana.

Vedremo se le migliori azioni consigliate da BofA per il 2023 faranno altrettanto.

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

Deposito minimo 50$
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100€
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100 AUD
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
* Avviso di rischio
Deposito minimo 100$
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari
* Avviso di rischio

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Amazon

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.