etoro

Investire nell’idrogeno, tutto quello che devi sapere

idrogeno

L'idrogeno diventerà una valida alternativa agli attuali combustibili, ma non prima del 2030. Ecco tutto quello che bisogna sapere prima di fare trading sul settore.

Ad oggi il settore dei trasporti è responsabile del 25% delle emissioni dirette di CO2 della Terra. Automobili, autobus e moto pesano per tre quarti di tali emissioni, mentre la rimanente parte dell’inquinamento proviene dall'aviazione e dal trasporto merci. Il trasporto ferroviario pesa solo per il 2% dell'energia impiegata nel comparto trasporti.




✅ Conosci la rivoluzione del social trading di eToro? Unisciti alla community, la funziona CopyTrader™ ti permette di copiare in automatico le strategie dei migliori traders del mondo. Ottieni un conto Demo con 100.000€ di credito virtuale >>

I brevi dati di cui sopra implicano che per rispettare l'Accordo di Parigi e contenere così il riscaldamento globale entro il 2100, tutti gli stakeholders dovranno concentrare ogni sforzo nell’individuare soluzioni energetiche alternative, soprattutto nel trasporto su strada e nell'aviazione.

Ne ha parlato una nota a cura di Vincent Compiègne, Deputy Global Head of ESG Investments & Research e Arnaud Peythieu, ESG Analyst, ESG Investments and Research di CANDRIAM.

Automobili

Considerato che tra i mezzi di trasporto moderni quello su gomma è responsabile della maggior parte delle emissioni di gas serra, l'Unione europea ha stabilito degli obiettivi di medio periodo piuttosto ambiziosi, che dovrebbero stimolare i produttori ad approcciare a soluzioni diversi. In questo senso, l’idrogeno potrebbe ritagliarsi degli spazi, grazie al potenziale di riduzione dei costi che possono vantare nei prossimi 10 anni. Stando a diversi scenari, l'idrogeno potrebbe diventare un'alternativa ai motori a combustione ed elettrici per i veicoli leggeri intorno al 2030.

Anche per il trasporto pesante l'idrogeno potrebbe rappresentare una soluzione utile, fornendo un'energia per kilometri tre volte superiore a quella del diesel, a fronte di serbatoi più pesanti. I veicoli pesanti offrono quindi migliori possibilità di utilizzo dell'idrogeno, dato il peso della batteria necessaria per il trasporto su lunghe distanze.

Aviazione

Anche se le emissioni di CO2 dell’aviazione rappresenta solo il 2,5% delle emissioni globali, le stime potrebbero in realtà essere almeno doppie, visto e considerato che anche il vapore rilasciato ad alta quota è un gas serra da prendere in considerazione.

In questo scenario è logico pensare che i combustibili liquidi a base di idrogeno potrebbero offrire una utile alternativa al carburante per aerei. Certo, lo stoccaggio richiederebbe cambiamenti nella progettazione e nell'infrastruttura dei velivoli, e – inoltre – gli elevati prezzi potrebbero non aprire le porte all’idrogeno verso l’ampia adozione di questo carburante, che difficilmente sostituirà il cherosene nel breve termine (per gli scenari più ottimistici, comunque non prima del 2045).

Navi

Il passaggio all'idrogeno è piuttosto costoso per il settore della navigazione, sia per i costi del carburante a idrogeno che per le nuove infrastrutture necessarie. Dunque, la maggiore competitività dell’idrogeno non dovrebbe arrivare prima del 2030.

Treni

Come abbiamo già anticipato, il trasporto su treno è tra i più efficienti dal punto di vista energetico. Nonostante ciò sono già in fase di sperimentazione e sviluppo treni a idrogeno che, anche in questo caso, dovrebbero diventare una valida e concreta alternativa dopo il 2030.

6 cose da sapere prima di investire sull’idrogeno

In Italia, così come nel resto del mondo, l’attenzione nei confronti dell’idrogeno è cresciuta radicalmente. Merito delle grandi aspettative che possono essere nutrite verso questa risorsa, e degli altisonanti investimenti in essa..

Ma cosa bisogna sapere prima di investire sull’idrogeno con eccessiva enfasi? Ne ha recentemente parlato, in una nota, Simon Webber, gestore del fondo Schroder ISF Climate Change Equity di Schroders. Dalla lunga osservazione dell’esperto abbiamo individuato 6 cose da tenere a mente. Scopriamole insieme.

Una risorsa scarsamente inquinante

Nel corso del 2020 l’idrogeno ha ottenuto ottime prestazioni. I motivi dell’entusiasmo sono da ricercarsi nel fatto che l’energia rinnovabile può consentire la decarbonizzazione di energia in molti settori (come quello dei trasporti), garantendo emissioni di Co2 nulle o molto più basse rispetto alle alternative attuali.

Anche se la produzione di idrogeno comporta delle emissioni, si tenga conto che la risorsa può essere prodotta senza Co2 con l’elettrolisi dell’acqua.

L’idrogeno tra presente e futuro

Anche se si guarda all’idrogeno con un riferimento al futuro, in realtà questa risorsa è già utilizzata su alcuni processi industriali su larga scala, e con buoni tassi di efficacia. Tuttavia, è evidente che la maggior parte del suo potenziale sarà sprigionato nei prossimi anni e, soprattutto, in quei mercati in cui l’idrogeno non è ancora presente, come quello del riscaldamento e del trasporto. Per soddisfare la crescente domanda, i livelli di produzione di idrogeno potrebbero dover aumentare anche di 10 volte rispetto ai livelli attuali.

Il costo della produzione di idrogeno

Oltre ad essere un elemento scarsamente inquinante, l’idrogeno rinnovabile è molto più costoso dell’idrogeno da combustibili fossili. Tuttavia, questa situazione dovrebbe cambiare, ed entro il 2030 si stima che l’idrogeno rinnovabile possa diventare il metodo di produzione più economico.

L’ampiezza del mercato dell’idrogeno

È difficile, in questo contesto, stimare quanto potrebbe essere grande il mercato dell’idrogeno rinnovabile. Tuttavia, si può certamente ipotizzare come i costi dell’idrogeno derivato da fonti rinnovabili saranno destinati a scendere drasticamente, grazie allo sfruttamento delle economie di scala e dai costi sempre più bassi delle energie rinnovabili. L’idrogeno rinnovabile dovrebbe dunque avere la meglio dell’idrogeno da fossili entro 10 anni.

Le leggi sull’uso dell’idrogeno

In più parti del mondo si stanno studiando appositi quadri normativi per poter garantire una transizione verso un’economia a zero emissioni, riconoscendo la possibilità di sviluppare un’industria dell’idrogeno per consentire la decarbonizzazione di molti settori industriali. L’Unione Europa in questo ambito è ben posizionata, affermando di voler puntare ad almeno 40 GW di elettrolizzatori di idrogeno rinnovabile, e alla produzione di 10 megatonnellate di idrogeno rinnovabile entro il 2030. Gli investimenti potrebbero essere compresi tra 24 e 42 miliardi di euro.

Le conseguenze dell’idrogeno: come investire

In questo contesto, è evidente come la transizione verso l’idrogeno creerà importanti opportunità di investimento per le aziende energetiche e per le società di ingegneria industriale, per costruire e gestire i nuovi impianti di idrogeno rinnovabile. Ci sarà dunque bisogno di un importante contributo da parte di tutti gli operatori della filiera energetica. E il fatto che ci siano solamente pochi operatori leader nel settore degli elettrolizzatori, rende il settore molto interessante per chi sta valutando nuovi arrivi. È anche vero che la tecnologia non è affatto semplice, e che gli operatori consolidati stanno formando alleanze e relazioni con sviluppatori e gruppi energetici per poter ridurre i costi e difendere le proprie posizioni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Miglior Broker Consigliato

Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS