Cash Collect, ecco cosa sapere prima di investire in certificati

Sono sempre più diffusi e sempre più sottoscritti dagli investitori. Ma siamo sicuri che i certificati di investimento Cash Collect siano il prodotto finanziario più adatto a tutti? Sono davvero così vantaggiosi come sembra? O ci sono alcuni aspetti sui quali sarebbe più opportuno cercare di soffermarsi?

Cosa sono i Cash Collect

Per chi non ne fosse a conoscenza, i Cash Collect sono particolari strumenti finanziari derivati, emessi da un istituto (in genere, una banca), e in grado di garantire il pagamento del valore nominale alla scadenza, e di uno o più premi durante il periodo di operatività del certificato, a condizione che il sottostante del contratto non scenda oltre un certo limite.

Convengono i Cash Collect?

Ma i Cash Collect convengono?

La struttura di questi prodotti è abbastanza semplice (almeno, una volta chiarito il meccanismo), ma esistono comunque alcuni aspetti sui quali gli investitori farebbero bene a soffermarsi.

In primo luogo, è bene rammentare che i Cash Collect puntano generalmente a un solo strumento sottostante, come un’azione. Concentrano dunque un elevato rischio specifico, poi il destino dell’investimento sarà legato alle evoluzioni della società sottostante. Non solo: essendo un derivato l’investitore non diventerà titolare dell’azione sottostante, ma subirà comunque gli effetti pregiudizievoli di un default o di un andamento negativo della società sottostante (e, in più, rimane esposto al rischio default da parte della banca emittente!).

In secondo luogo, è opportuno cercare di soffermare particolare attenzione ai livelli “barriera”. Affinché il certificato Cash Collect paghi il valore nominale alla scadenza, è infatti necessario che il sottostante non scenda sotto la barriera, un livello che teoricamente corrisponde a una perdita che difficilmente il sottostante subirà ma… che in particolari periodi storici potrebbe trovare (purtroppo) della concretezza.

Insomma, i Cash Collect non sono assimilabili a obbligazioni, come purtroppo qualche collocatore lascia intendere, ma sono dei derivati tendenzialmente speculativi, vere e proprie “scommesse” sul futuro dell’andamento del sottostante.

Certificates – Guida per principianti

1) Certificates definizione: cosa sono e come funzionano

2) Certificates: le caratteristiche di tutte le principali tipologie

3) Certificates tassazione: aliquote fiscali e inserimento in Redditi Diversi

4) Certificates: come scegliere i migliori per la propria strategia di investimento

5) Certificati: differenze tra classe A e classe B

6) Certificati turbo: cosa sono e quali sono le loro caratteristiche

7) Tracker certificate: cosa sono e come funzionano

8) Certificati Twin-win: cosa sono e quali sono le loro caratteristiche

9) Corridor Certificate: cosa sono e come funzionano i certificati per investire sui mercati laterali

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Certificates

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.