Criptovalute previsioni 2022: quali sono le migliori da comprare [aggiornamento settembre 2022]

previsioni criptovalute 2022

Quali saranno le migliori criptovalute da comprare nel 2022? L’articolo che stai per leggere fu concepito a fine 2021 adottando come prospettiva il nuovo anno. A distanza di nove mesi dall’inizio del 2022, il quadro generale del settore criptovalute è completamente mutato.

Molti asset digitali, a partire da Bitcoin, hanno subito un forte deterioramento dei prezzi e che le criptovalute emergenti si sono ridimensionate. A causa di queste evoluzione, abbiamo deciso di effettuare un aggiornamento profondo rivedendo tutte le nostre previsioni sulle migliori criptovalute da comprare nel 2022.

Siamo consapevoli che sul web siano ancora molto diffusi articoli che vedono Bitcoin a oltre 100 mila dollari nel 2022 ma siamo convinti che queste stime siano oramai del tutto inverosimili. Poco probabili sono anche quelle previsioni che parlano di boom delle criptovalute emergenti quando questo sotto settore è invece in ridimensionamento.

Ciò promesso, cosa puoi trovare in questa guida che abbiamo aggiornato a giugno 2022? Ecco in sintesi i temi caldi:

  • previsioni reali sulle criptovalute 2022 (basta utopie su Bitcoin a 1 milione di dollari)
  • quali crypto esploderanno nel 2022
  • quale sarà la prossima criptovaluta del futuro (emergenti)
  • quali sono le criptovalute da comprare nel 2022

Domanda a questo punto inevitabile: ma se il settore non se la passa più così bene come si prevedeva a fine 2021, ha senso parlare di migliori criptovalute da comprare? Assolutamente si. Coloro i quali appena un anno fa parlavano di Bitcoin a 1 milione di dollari entro fine anno, sono gli stessi che adesso hanno un approccio totalmente pessimistico sul settore.

Noi non abbiamo mai creduto a previsioni messianiche sulle criptovalute e oggi riteniamo che, grazie proprio alla fase ribassista, ci sono finalmente le condizioni per una scrematura del settore. Alcuni crypto-asset non avranno futuro ma altri conosceranno una crescente diffusione che, sul lungo termine, non può non essere da sostegno ai prezzi.

Ciò significa che l’attuale fase ribassista del mercato può esser sfruttata per individuare le migliori criptovalute (le previsioni 2022 servono anche a questo) e comprarle a prezzi a sconto in vista di un possibile rialzo.

Per operare seguendo questa strategia ci sono tantissime soluzioni. Noi consigliamo il broker multifunzionale eToro (leggi qui la recensione completa) poichè esso permette di fare trading a 360 gradi sugli asset digitali. In più, scegliendo di operare con i CFD, è possibile anche avere il conto demo gratuito.

Apri un conto demo eToro e impara a fare CFD trading sulle criptovalute>>>è gratis

criptovalute etoro

Criptovalute previsioni 2022: aggiornamento

Punto di partenza per poter affrontare l’argomento criptovalute da comprare nel 2022 è l’eredità lasciata dall’anno precedente. In termini generali, lo scorso anno è stato caratterizzato dall’esplosione della DeFi (finanza decentralizzata), degli NFT e del gaming focalizzato sul sul play to earn.

Nella seconda parte dell’anno, poi, a catalizzare l’attezione degli investitori è stata la rivoluzione tecnologica del metaverso. A tal proposito, Henry Arslanian, numero uno di PwC Global Crypto, ritiene che nel 2022 il metaverso diventerà sempre più centrale. Secondo l’analista, i casi di Decentraland e Sandbox (le cui quotazioni sono salite tantissime nel 2021) rappresentano una sorta di antipasto di quello che avverrà nel futuro.

Se 20 anni fa ogni azienda non poteva non avere una strategia di e-commerce, nel 2022 i colossi di Fortune 500 dovranno pensare alla propria strategia metaverse. 

Queste le coordinate ereditate dal 2021. Ci sono poi altre tendenze che si sono imposte nella prima parte dell’anno. Se i prezzi delle criptovalute sono crollati nel secondo trimestre 2022, è stato a causa del pesante ribasso che ha interessato Wall Street e il Nasdaq. Non è compito di questa guida analizzare la tendenza in atto sui mercati finanziari globali. Ciò che però è giusto mettere in risalto è che il crypto sell-off ha dimostrato quanto il settore degli asset digitali sia connesso al Nasdaq.

Questo in termini di coordinate generali mentre, per quello che riguarda le singole criptovalute, va ricordato che il 2021 è stato un anno da incorniciare per tutto il settore a partire, ovviamente, dagli asset digitali a maggiore market cap. 

Proseguendo in scia con la tendenza emersa già nel 2020 a seguito dell’esplosione dell’emergenza covid19, i prezzi delle criptovalute più importanti sono cresciuti ancora di più. Nella seconda parte del 2021, Bitcoin e Ethereum hanno aggiornato i loro massimo storici (ATH). Parallelamente è emersa anche una terza criptovaluta che è andata ad occupare il posto un tempo detenuto da Ripple. Parliamo di Cardano, l’asset digitale che si è ritagliato una discreta fetta di popolarità in un mercato ipercompetitivo. 

A spingere in avanti tutto il settore delle criptovalute nella parte finale del 2021 è stata l’emergenza inflazione. A causa del rialzo dei prezzi dell’energia, l’inflazione è diventata la nuova variabile in grado di spaventare i mercati tradizionali. Man mano che è cresciuta la consapevolezza che l’inflazione fosse destinata a diventare duratura e non più transitoria, è aumentato anche lo spostamento dei portafogli verso le criptovalute. La tendenza si è interrotta a metà semestre in scia ai crescenti timori di una recessione in un contesto monetario caratterizzato da rialzi dei tassi.

Come dicevamo prima, in questa situazione è diventato fondamentale essere selettivi e quindi saper scegliere le migliori criptovalute su cui investire nel 2022

Nuove Criptovalute in uscita nel 2022

Poichè l’obiettivo di questa guida è quello di fornire spunti continui ai trader, abbiamo ritenuto opportuno integrare il contenuto con un paragrafo dedicato alle nuove criptovalute in uscita nel 2022. Stando ai dati di CoinMarketCap, attualmente ci sono circa 17.000 criptovalute in circolazione. Una massa così enorme, nonostante il deterioramento del settore, rende sempre più complicato effettuare un procedimento di selezione.

Allo stesso tempo anche sapere quali saranno le migliori criptovalute in uscita nel 2022 è molto difficile. Premesso questo, però, ci sono alcuni elementi che è consigliabile tenere in debita considerazione quando di è alle prese con l’esame delle nuove criptovalute in uscita nel corso dell’anno. Tali variabili sono: 

  • Il concept alla base del progetto 
  • Il sentiment nel momento di lancio della criptovaluta
  • Il protocollo
  • L’algoritmo di consenso
  • Chi c’è dietro alla criptovaluta (team di sviluppatori)
  • Presenza di una comunità di supporto articolata e organizzata su Twitter, Telegram, etc

Rischi delle nuove criptovalute

Le nuove criptovalute possono rivelarsi un grande affare ma, al tempo stesso, possono trasformarsi anche in un boomerang. La cronaca degli scorsi anni è piena zeppa di nuovi progetti crypto che dovevano fare faville e che poi si sono trasformati in un fallimento. Prima di investire sulle nuove criptovalute è consigliabile tenere in considerazione questi fattori: 

  • assenza di regolamentazione
  • non c’è garanzia di successo
  • il token potrebbe subire dei ribassi.

E’ tenendo conto di questi elementi, che si può quindi procedere all’acquisto di una nuova criptovaluta a basso costo nella speranza di riuscire ad ottenere rendimenti interessanti nel medio termine. 

Per comprare le nuove criptovalute, il nostro consiglio è di usare exchange specializzati nel settore come ad esempio Binance. Questa piattaforma mette a disposizione tantissimi strumenti per la compravendita di criptovalute, anche quelle nuove!

Clicca qui per creare un account Binance e iniziare ad investire in criptovalute

Criptovalute previsioni 2022: i mega-trend dell’anno

Prima di addentrarci nell’argomento prezzi, può essere utile fornire le coordinate generali su quelle che potrebbero essere le tendenze del 2022. Tecnicamente parliamo di mega-trend per indicare quei fenomeni di lungo termine che possono impattare sulla performance di tutto un settore, nel nostro caso specifico quello delle criptovalute. A fornire utili spunti su questo argomento sono stati Surojit Chatterjee, Chief Product Officer europeo di Coinbase e gli analisti di eToro. Da entrambe le fonti, proprio in coincidenza con l’inizio del nuovo anno, sono arrivati due interessantissimi report in cui è trattato l’argomento mega-trend (o possibili tali).

Iniziamo dall’analisi di Surojit Chatterjee secondo il quale sono tre le tematiche destinate a condizionare il mercato delle criptovalute nel corso del 2022: deFi, NTF e metaverso. Vediamo quindi nel dettaglio.

  • Per quello che riguarda la DeFi è possibile che, a causa della crescita esponenziale del settore, molti protocolli siano destinati ad essere regolamentati e a passare al processo di KYC on-chain. Con tale trasformazione, la fiducia delle istituzioni potrebbe crescere ancora di più. Eì possibile, ga poi aggiunto il manager di Coinbase, che emergano anche dei protocolli assicurativi che siano capaci di garantire i fondi degli utenti contro gli attacchi hacker.
  • Metaverso e NTF (sono trattati assieme da Chatterjee): nel 2022 i brand non potranno che partecipare in modo attivo al metaverso e agli NFT. Sono tantissime le aziende che si stanno rendendo conto che i non-fungible token possono essere un ottimo strumento per il marketing. Dopo Coca-Cola, Dolce & Gabbana, altri grandi brand potrebbero lanciare nel giro di pochi mesi iniziative di marketing basate su NFT e metaverso. In scia a quanto fatto da Facebook, non è da escludere che altre grandi aziende possano decidere di entrare nel Web3 e nel metaverso. Lato social la tendenza potrebbe essere quella di una maggiore concorrenza da parte delle community basate su NFT ai canali social generici. E’ possibile che gli stessi metaversi che vengono generati dagli utenti possano essere il futuro dei social network. Più in là nel futuro gli NTF potrebbe essere alla base dell’dentità digitale e del passaporto degli utenti. 

Molto simile anche la valutazione di eToro. Gli esperti del broker hanno però individuato 5 settori di tendenza e non 3 per il nuovo anno. Ovviamente alcuni sono coincidenti con i mega-trend descritti dal manager di Coinbase. 

Le 5 tendenze crypto per il 2022 secondo eToro sono: 

  • Non-Fungible Token o NFT: è possibile che si vada oltre il formato jpeg da collezione. Numerosi programmi di NFL, infatti, sono al lavoro con con Polygon per l’utilizzo degli NFT per la vendita di biglietti
  • Metaverso e settori limitrofi del play-to-earn e della blockchain gaming.
  • I layer 2 come ad esempio Polygon (MATIC) su Ethereum. Tali soluzioni di ultima generazione di stanno mostrando in grado di scuperare le congestioni del layer 1
  • Crescente diffusione dei pagamenti in criptovalute anche grazie al coinvolgimento crescere dei colossi dei pagamenti digitali come ad esempio Visa e Mastercard e grazie all’apertuta da parte di alcuni istituzionali come ad esempio lo stato di El Salvador che, come noto, ha reso Bitcoin legale.
  • Possibilità che i governi prendano in considerazione la possibilità di aprire alle criptovalute. In quest’ottica il broker non esclude che anche la SEC americana possa dare il suo via libera agli ETF Bitcoin.

Perchè abbiamo riportato anche nell’aggiornamento di metà anno i mega-trend 2022? Per un motivo molto semplice: riteniamo che sia necessario guardare ai fondamentali anche nelle fasi di calo dell’interesse, pocihè saranno i fondamentali a fare la differenza e a guidare la ripartenza del settore. Ecco perchè noi a differenza dei pessimisti (un tempo esagitati ottimisti) siamo fiduciosi sul rilancio del settore.

Prezzo criptovalute si riprenderà? Ultime previsioni per investire

A causa del forte ribasso registrato a partire da metà semestre in poi, il target delle criptovalute sono stati rivisti al ribasso. Appena pochi mesi fa alcuni trader molto seguiti sui social parlavano di possibile ralzo del settore di ben il 27000 per cento e di bull-run delle altcoin appena all’inizio. Oggi queste previsioni fanno ridere se si guarda a quello che è l’andamento del settore.

In un contesto generale caratterizzato da un forte calo del livello di capitalizzazione complessivo, è comunque possibile individuare dei token interessanti. Questa operazione la faremo nel prossimo paragrafo. Per adesso di preme evidenziare come non ci siamo momento migliore per fare un bilancio e riformulare le previsioni aggiornate 2022 del mese di giugno (metà anno).

Per loro struttura le criptovalute sono spesso al centro di cambi repentini di direzione. Tuttavia ci sono asset digitali che, nonostante la situazione avversa, hanno mostrato di essere più forti di altri riuscendo a resistere alle fluttuazioni di mercato.

Ebbene noi siamo convinti che i prezzi di queste criptovalute forti siano destinati a riprendersi nel secondo semestre 2022 anche perchè, a settembre hanno iniziato a circolare delle previsioni moderatamente ottimistiche sul futuro delle più importanti criptovalute dopo che per mesi le stime ottimistiche sembrano essere completamente sparite dalla cronaca.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le ultime previsioni sulle criptovalute.

Secondo Mike McGlone, strategist senior di Bloomberg, il prezzo del Bitcoin potrebbe salire nel prossimo futuro fino a 100mila euro, spinto dall’aumento dell’adozione e della domanda crescente. I driver citati da McGlone sono sempre gli stessi anche se, proprio a causa della perdita di appeal del settore degli asset digitali, questi temi sembrano essere finiti nel dimenticatoio

Lo strategist di Bloomberg ha anche elaborato delle previsioni sul possibile andamento di Ethereum. Dopo il merge, il prezzo di ETH potrebbe godere di maggiore appeal. I prezzi vengono visti fino a 6000 dollari ma anche nel caso di Ethereum vale quanto detto per il BTC: si tratta di stima proiettate molto in la nel futuro. Dal nostro punto di vista, però, il fatto che a fine settembre si torni a parlare di previsioni positive sulle due criptovalute a più alta capitalizzazione è un elemento positivo.

Attenzione perchè le opinioni espresse da Mike McGlone non rappresentano un caso isolato. Secondo Michael Saylor, presidente di MicroStrategy, il prezzo del Bitcoin potrebbe tornare vicino ai massimi storici (quindi in area 70mila dollari) entro i prossimi 4 anni. Quelle di Saylor ci sembrano previsioni sicuramente improntate all’ottimismo ma al tempo stesso molto con i piedi per terra visto che il ritorno del Bitcoin ai massimi viene collocato in un lasso di tempo per niente breve. E dopo quei 4 anni? Allargando l’orizzonte temporale, Saylor torna ad essere quello dei vecchi tempi ossia quello del BTC a oltre 500mila dollari. Di questo scenario, però, ci sembra superfluo parlare.

Vuoi investire sulle migliori criptovalute? Se non sei interessato a possedere fisicamente le altcoin, una strade interessante può essere quella del CFD Trading. Scegliendo un broker autorizzato come eToro avrai subito la demo gratuita per fare pratica senza rischi. 

Grazie al conto demo gratuito di eToro hai a disposizione subito 100.000€ virtuali che puoi usare per tutti gli asset che vuoi sulla piattaforma del broker, incluse le criptovalute.

Prova eToro con un conto demo gratis da 100.000€ virtuali>>>

demo etoro

Criptovalute previsioni 2022: quali conviene comprare 

Il Bitcoin non può che rientrare nella lista delle migliori criptovalute da comprare nel 2022. Questo primato era ed è supportato dal crescente interesse degli investitori istituzionali verso la regina dei crypto-asset. Nei mesi scorsi, molte grandi compagnie avevano svelato che era loro intenzione investire in Bitcoin. Nonostante il ritracciamento del settore, in tante hanno confermato.

L’enorme appeal del BTC aveva spinto i prezzi del principale asset digitale ad oltre 60 mila dollari. A metà 2022, però, il valore del BTC appare ingabbiato in area 30mila dollari (minimi da 12 mesi). Come detto in precedenza il ribasso è dovuto alla crisi dei mercati azionari e all’impatto del sell off sulle stock s tutte le criptovalute. Nonostante questo, però, Bitcoin resta la criptovaluta con più alta capitalizzazine di mercato. Inoltre, BTC ha messo a segno una crescita molto forte dei volumi di scambi.

Partendo da questo segnali positivo, molti trader si spingono ad affermare che il recente ribasso del Bitcoin possa essere propedeutico ad un nuovo rally che porterebbe il valore del BTC su livelli molto alti. 

Oltre al BTC, però, ci sono tante altre altcoin da comprare nel 2022. Ethereum e Cardano sono i primi due nomi che ci vengono in mente anche perchè si tratta di asset digitali con potenziale ancora inespresso e che quindi presentano un certo margine di crescita.

Yenwen Feng, co-fondatore della piattaforma decentralizzata di trading di derivati Perpetual Protocol, ritiene che Ethereum abbia le carte in regola per registrare un forte apprezzamento nel corso del 2022. Secondo l’esperto non appena Ethereum passerà a Proof-of-Stake – PoS, la flessione della fees di transazione determinerà un consolidamento della sua posizione come punto di riferimento per l’uso della delle applicazioni DeFi.

Alla stesso tempo, però, ha aggiunto Feng, la forte concorrenza esercitata da alcune blockchain più scalabile ed economiche come ad esempio Solana, Avalanche e la citata Cardano, potrebbe insidiare Ethereum che non è più monopolista in questo segmento.

Come fatto in precedenza a proposito dei metodi alternativi per comprare Bitcoin, anche in questo caso vale il discorso per cui, se l’obiettivo non è quello del possesso fisico, il modo migliore per sfruttare la volatilità è investire attraverso i CFD.

eToro è il broker ideale per questo scopo e oggi puoi provare a speculare sull’andamento del cross ETHUSD e XRPUSD partendo dal conto demo gratuito. Senza versare denaro e in pochi minuti puoi ottenere 100.000$ virtuali, che ti serviranno per fare i tuoi test e sperimentare i tuoi investimenti in un ambiente completamente demo.

Prova il trading CFD sulle criptovalute con la demo gratis di eToro da 100.000$ virtuali >>>

eToro pratica

A parlare delle migliori criptovalute che conviene comprare nel 2022 è stato Don Guo, CEO di Broctagon Fintech Group, che in una intervista alla CNN ha ricordato come tutte le Altcoin abbiano iniziato la loro storia come piccole valute virtuali. Secondo l’esperto, se il mercato delle criptovalute dovesse continuare a crescere, “molti investitori potrebbero essere tentati dal puntare sulle monete digitali di minori dimensioni per prendere il jackpot”

Tirando quindi le somme, le criptovalute che conviene comprare nel 2022 sono:

  • Bitcoin
  • Ethereum
  • Solana
  • Cardano

Investire in Criptovalute previsioni 2022: stop al dominio del Bitcoin?

La necessità di diversificare al massimo al massimo gli investimenti in criptovalute è ribadita anche da altri analisti e contribuisce a fornire un quadro sulle previsioni criptovalute 2022 molto diverso rispetto a quello che ci si sarebbe atteso.

Insomma è tempo di farla finita con la monoculotura Bitcoin poichè, come messo in evidenza a suo tempo da Brad Garlinghouse, CEO di Ripple, non è da escludere che l’attuale alta popolarità di cui il Bitcoin oggi gode possa trasformarsi anche in un boomerang.

Il motivo è semplice: è altamente probabile, e da qui il condizionamento sulle previsioni 2022, che la concentrazione degli investimenti su un solo asset digitale, possa generare forti rischi. Cosa fare quindi per salvarsi da questa trappola? Diversificare gli investimenti e scegliere le migliori altcoin al di fuori del Bitcoin. 

Fra il 2020 e il 2021 sono state molte le nuove criptovalute che si stanno facendo conoscere, soprattutto quelle legate al mondo della DeFi come Uniswap e Chainlink. È quindi naturale che il Bitcoin possa rimanere sì un punto di riferimento, ma non l’unica criptovaluta apprezzata e riconosciuta come buon investimento.

Conviene preferire le criptovalute a basso costo?

Le enormi quotazioni raggiunte dalle criptovalute a maggiore capitalizzazione, potrebbero scoraggiare dall’investimento soprattutto i trader che sono alle prime armi. Dinanzi ai prezzi molto alti di Bitcoin, Ethereum e degli altri crypto-asset a più alto market cap, un’idea da prendere in considerazione è quella di investire nelle criptovalute a più basso costo. Questo anche per motivi pratici. 

Infatti, preferendo le altcoin a basso costo, sarà comunque necessario diventare pratici della gestione che ogni criptovaluta impone ma senza dover spendere cià che sarebbe necessario se si optasse per comprare valute virtuali costose. 

In pratica preferire le criptovalute a basso costo significa avere l’occasione di fare pratica. Infatti sarà comunque necessario scegliere un wallet, imparare a custodire il cripto-asset, saper monitorare i dati e, in ultimo, saper fare analisi (tecnica e fondamentale). 

Tanti trader fanno pratica con le criptovalute a più basso costo e, una volta presa la mano, passano a quelle più prestigiose. 

Insomma, grazie alle criptovalute a più basso costo, è possibile ottenere grandi risultati rischiando poco. 

Quali sono le criptovalute più a basso costo disponibili oggi sul mercato delle valute digitali? Praticamente non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ecco alcuni nomi:

  • Polkadot,
  • Uniswap,
  • VeChain,
  • Stellar,
  • Theta
  • TRON. 

Il fatto che si preferisca investire sulle criptovalute a basso costo, non significa che, per forza di cose, si sia costretti a comprare fisicamente questi asset poichè non ci sono altre alternative più accessibili. Anche sulle criptovalute a basso costo, infatti, è possibile fare trading con strumenti derivati come ad esempio i CFD. Scopri quali sono le altcoin a basso costo su quelle puoi fare CFD Trading con il broker eToro. 

Una criptovaluta che si è fatta conoscere negli ultimi mesi è sicuramente Binance Coin (BNB), la criptovaluta di base dell’exchange Binance. Oggi è la terza criptovaluta al mondo dopo Bitcoin ed Ethereum ed è il simbolo dell’affermazione di Binance nel mondo. Puoi comprare Binance Coin sull’exchange Binance (qui la recensione). La piattaforma numero uno al mondo per scambiare criptovalute offre tanti strumenti molto utili per l’attività di trading. Inoltre Binance è considerata la scelta preferita da chi è alle primissime armi con gli asset digitali. 

Clicca qui per aprire un account Binance e iniziare ad investire in criptovalute

Criptovalute emergenti 2022: quali sono le migliori

Nel precedente paragrafo si è sottolineata la necessità di uscire fuori dal monopolio del Bitcoin. Non c’è solo il BTC tra le migliori criptovalute da comprare nel 2022. Anzi, volendo allargare il discorso, tra gli asset più interessanti non ci sono solo quelli a più alta capitalizzazione. 

Sorprese molto positive, infatti, potrebbero anche arrivare dalle criptovalute emergenti. Chi fa trading sui crypto-asset da tempo lo sa bene: i margini più alti di profitto sono quelli offerte dalla valute digitali emergenti. Il motivo è semplice: tutti conoscono il Bitcoin o Ethereum ma solo in pochi (e ben addentrati nel settore) conoscono le criptovalute emergenti.

Questa sezione specifica del settore dei digital-asset è in continua evoluzione. I rischi non mancano perchè accanto a valute virtuali che effettivamente hanno poi un futuro ve ne sono anche altre che, dopo fiammate iniziali, si spengono. Questo sta a significare che è necessario essere molto selettivi nelle scelte. 

Premesso questo, quali potrebbero essere le migliori criptovalute emergenti 2022? Per rispondere a questa domanda è anzitutto necessario dotarsi di un metodo per riuscire ad individuare le migliori criptovalute emergenti. Negli ultimi anni è avvenuto un cambiamento sostanziale della percezione stessa delle criptovalute emergenti. Questi asset, per la prima volta, sono diventati importanti strumenti finanziari a cui chiunque può avere accesso grazie proprio ai broker come eToro (qui il sito ufficiale).  

Premesso questo, gli aspetti più importanti a cui prestare attenzione per trovare le migliori criptovalute emergenti nel 2022 sono:

  • Livello di market cap
  • Prezzo
  • Volume
  • Ammontare totale offerta
  • Adattabilità

In particolare il livello di capitalizzazione di mercato consente di avere informazioni sull’ammontare del denaro che è stato investito in quella rete. Analizzando l’andamento della market cap di una criptovaluta, l’investitore può avere informazioni precise sulla stabilità dell’asset. Al tempo stesso il trend della market cap indica il potenziale di crescita vantato dalla specifica criptovaluta. 

Per quello che riguarda il volume, invece, gli asset digitali ad alto volume sono sintomatici di un improvviso aumento della popolarità e dell’appeal presso gli investitori. Logicamente un alto volume oggi non è garanzia di un alto volume domani, tuttavia osservare questo parametro può essere molto utile per avere un’idea su quali sono le criptovalute che più di tutte hanno attirato l’interesse del mercato. 

Per finire va anche tenuto conto che la comunità dietro un progetto specifico svolge un ruolo fondamentale. La presenza di una #army è un segnale chiaro per avere un’idea del peso che può essere svolto dal raggruppamento di fedelissimo. 

Tutti i parametri che abbiamo citato possono essere un buon punto di partenza per capire quali sono le criptovalute emergenti destinate a mettersi in luce nel 2022. 

Proprio considerando questi aspetti, gli esperti del settore hanno indicato in Dogecoin, Shiba Inu, Hedera e Ravencoin, le criptovalute emergenti che potrebbero esplodere nel corso del nuovo anno. 

Una curiosità: come si può vedere leggendo il paragrafo successivo dedicato alle previsioni sulle migliori criptovalute 2021, Dogecoin era già presente. Per la regina delle criptovalute canine, quindi, si potrebbe profilare un bis. Dopo un 2021 da incorniciare, un 2022 altrettanto positivo. Sempre nell’elenco delle possibili migliori criptovalute che abbiamo stilato alla fine del 2020 sull’anno 2021, era anche presente Cardano. Il prezzo di ADA, in effetti, è cresciuto tantissimo nell’anno in corso e Cardano non può più essere considerata un’altcoin emergente. 

Criptovalute emergenti 2022: Dogecoin (DOGE)

Ci sono tutta una serie di elementi per cui il Dogecoin per il secondo anno consecutivo figura nella lista delle criptovalute emergenti migliori

L’adozione del Dogecoin ha infatti registrato un significativo aumento. Sono oltre 20 le grandi aziende che usano Dogecoin per i pagamenti. L’epoca in cui il Dogecoin veniva considerata una crypto-meme appartiene al passato. 

Secondo motivo per cui conviene inserire il Doge nella lista delle possibili migliori criptovalute 2022 riguarda i prezzi. E’ vero che il valore del Doge è cresciuto tantissimo nel corso dell’ultimo anno ma nel secondo semestre 2021 il rally si è attenuato. Questo lascia aperta la porta alla possibilità di un rapido rialzo già da gennaio. 

In particolare nel primo trimestre 2022, Elon Musk, mediante la SpaceX, potrebbe lanciare Dogecoin sulla luna. L’evento è molto atteso e non è escluso che possa ricevere un’attenzione così forte dai media da far crescere la popolarità della criptovaluta. 

Non bisogna mai dimenticare cosa è avvenuto in passato con notizie simili e con i tweet del patron di Tesla.

Per approfondire si rimanda alla nostra guida su come comprare Dogecoin. Ricordiamo che Dogecoin può essere ora comprata anche su eToro (visita il sito ufficiale) e non solo sugli exchange, sintomo della crescente popolarità della crypto-meme. 

Scopri qui eToro>>> account gratis e 100.000 euro virtuali per imparare a fare CFD trading

etoro demo gratuito

Criptovalute emergenti 2022: Shiba Inu (SHIB)

Shiba Inu è stata una delle criptovalute protagoniste del 2021. La vicenda di Shib ha ricalcato quella del Dogecoin. Anche in questo caso, infatti, siamo passati da una criptovaluta nata per burla ad un asset digitale serio e apprezzato. Oggi Shiba è utilizzato per i pagamenti ed è tra la valute disponibili per pagare anche su Amazon. 

L’adozione della criptovaluta è in costante crescita ma non è solo questo il catalizzatore per il prossimo anno. Grazie al successo raggiunto, l’ecosistema della criptovaluta è profondamente cambiato. Se in principio tutto era basato su un token meme, adesso si focalizza su un DEX in rapida crescita. I livelli di liquidità sono quindi aumentati ed è possibile anche lo staking di Shib. 

Lato valutazioni, è evidente che nel corso del 2021 le quotazioni di Shib siano cresciute tantissimo. Tuttavia c’è ancora molto spazio di crescita ed è per questo motivo che molti analisti consigliamo di inserire Shiba nella lista delle possibili migliori criptovalute 2022. 

Per investire su Shiba Inu si può usare l’exchange Binance che permette anche di comprare e vendere tantissimi altri token.

>>>Clicca qui per aprire un acconto su Binance

Criptovalute emergenti 2022: Hedera (HBAR)

Se con Dogecoin e Shiba Inu siamo nell’ambito di criptovalute si emergenti ma comunque note, con Hedera entriamo nel campo delle scommesse vere e proprie. 

Attenzione perchè parliamo di un asset poco conosciuto solo al pubblico retail. In realtà Hedera è molto noto ai piani alti visto che colossi come Google o IBM fanno parte della sua governance

L’adozione di Hedera è in costante crescita e per quello che riguarda i prezzi il margine di rialzo è enorme. Ad aprile il prezzo di HBAR è arrivato ai massimi storici (0,55 dollari). Successivamente si è poi avvitato in una spirale ribassista. 

La criptovaluta potrebbe chiudere l’anno in modo stabile. Proprio ciò potrebbe creare condizioni di ingresso molto interessanti a partire dall’anno prossimo. 

Oggi Hedera è disponibile su Binance>>>clicca qui per creare un account 

Criptovalute emergenti 2022: Ravencoin (RVN)

Quarta criptovaluta che potreebbe catturare l’interesse degli investitori nel 2022 è Ravencoin. Anche in questo caso parliamo di una blockchain che è in costante crescita. L’incremento dell’adozione è un driver capace di spingere il prezzo di RVN. L’attuale quotazione offre un buon punto di ingresso. I prezzi, infatti, presentano uno sconto del 60 per cento rispetto ai massimi storici.

Vero è che pensare di vedere Ravencoin ai livello di Shiba Inu è quasi impossibile, tuttavia, se dovesse esserci un trend al rialzo per l’intero settore criptovalute, RVN potrebbe offrire margini di profitto molto interessanti. 

Criptovalute ecosostenbili nel 2022: quali sono le migliori

Dopo aver analizzato quali sono le migliori criptovalute emergenti per il 2022, concentriamo adesso la nostra analisi sull’aspetto ambientale. La domanda quindi diventa: quali sono le migliori criptovalute ecosostenibili del 2022? Ethereum occupa senza dubbio un posto di tutto rispetto in questa classifica molto particolare. In effetti il nuovo protocollo Ethereum 2.0., utilizzando un meccanismo di consenso proof of stake più rapido, ha ridotto notevolmente il consumo di energia. 

Anche la già citata Cardano è ecosostenibile. Con un valore di ADA a 1,47 dollari a token, la market cap di Cardano è arrivata nel 2021 a quota 50,139 miliardi di dollari. Anche dopo il calo dei valori a 1,33 dollari a token, Cardano continua ad occupare la sesta posizione nella classifica delle criptovalute a maggiore capitalizzazione con una market cap pari a 45, 52 miliardi di dollari. Ricordiamo che, dal punto di vista ambientale, Cardano è da preferire a Bitcoin in quanto consuma molta meno energia della criptovaluta madre, basandosi sul meccanismo proof of stake.

E per finire nella classifica delle migliori criptovalute ecosostenibili c’è anche Stellar. A fine 2021, la capitalizzazione di XLM era pari a 7,097 miliardi di dollari (27esimo posto nella classifica). 

Ricordiamo che Stellar è nata nel 2014 grazie ad un hard fork di Ripple (XRP). Obiettivo di Stellar è quello di congiungere gli istituti finanziari tradizionali con le monete digitali.

Attraverso la rete Stellar si possono scambiare dollari USA, Bitcoin, yen e molte valute tradizionali e asset digitali. Il token XLM, dal canto suo, consente di eseguire scambi su un ledger distribuito basato su blockchain ad una frazione di centesimo. Grazie a questo meccanismo è necessaria una minore impronta di carbonio. E proprio per questa ragione se Stellar può essere inserita nella lista delle criptovalute ecosostenibili.

Ricapitolando: le criptovalute ecosostenibili da comprare nel 2022 sono ETH 2.0, ADA e XLM. Ci sono poi le seconde linee rappresentate da:

  • SolarCoin (SLR)
  • BitGreen (BITG)
  • Nano (NANO)
  • IOTA (MIOTA)
  • EOSIO (EOS)
  • TRON (TRX)
  • Burstcoin (BURST)

Trading CFD sulle criptovalute con Capex.com

In questo articolo abbiamo fatto riferimento a 2 broker e a 1 exchange come soluzioni per fare trading sulle criptovalute. Un’alternativa altrettanto interessante per investire sugli asset digitali è Capex.com. Si tratta di un broker specializzato sui Contratti per Differenza che consente di fare CFD Trading sulle criptovalute (non parliamo quindi di acquisto diretto visto che Capex.com non è un exchange.

Perchè, tra le tante soluzioni, dovresti scegliere Capex.com per tradare criptovalute? La spiegazione è semplice. Attraverso i CFD si possono acquistare posizioni sulle criptovalute, conservando una discreta liquidità e avendo la possibilità di aprire posizioni short di vendita. Inoltre con il CFD Trading, non è necessario avere a disposizione un portafoglio (wallet). Quindi quello che è il problema fisso di opera con gli exchange, ossia la conservazione dei codici di accesso, non riguarda minimamente chi fa trading sulle criptovalute con i Contratti per Differenza. 

Con Capex.com è possibile investire sulle migliori criptovalute 2022 concentrandosi solo sulle operazioni e lasciando perdere tutto il resto. 

Questo è un grande vantaggi. In più Capex offre anche la demo gratuita per imparare a fare pratica senza correre il rischio di perdere soldi veri. 

Clicca qui per aprire un conto demo su Capex. com e imparare ad investire in criptovalute

I vantaggi del CFD Trading sulle criptovalute con Capex.com sono: 

  • possibilità di fare trading sulle variazioni di prezzo in ogni direzione 
  • possibilità di usare strategie operative a lungo e breve termine
  • possibilità di usare ordini di ingresso, stop loss e profit limit per gestire il livello di rischio

In più, elemento non da poco se si considera che il settore delle criptovalute è in costante evoluzione, Capex.com permette anche di accedere all’offerta formativa della sua Academy e di beneficiare degli strumenti di analisi tecnica e fondamentale che sono forniti da specialisti esterni. 

Rimani aggiornato con guide e iniziative esclusive per gli iscritti!

Telegram

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

Le ultime news su Crypto News: previsioni e ultime dal mondo delle criptovalute

Copia dai migliori traders

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.