Borsa Italiana Oggi 21 settembre 2022: Ftse Mib verde in attesa della FED. Leonardo e TIM svettano su tutti

apertura ftse mib

Andamento migliore delle attese per la borsa di Milano nella seduta di metà settimana. Contrariamente alle previsioni che facevano riferimento ad una sessione molto incerta in vista delle decisioni di politica monetaria della FED, il Ftse Mib, fatta salvo un momento di incertezza iniziale, si è mosso subito sul verde riagguantando quota 21900 punti per poi chiudere ad oltre 22mila punti

A spingere sul segno positivo la borsa di Milano sono stati i forti rialzi che hanno caratterizzato titoli come Leonardo e Telecom Italia. I segni rossi non sono mancati ma sono stati numericamente inferiori oltre ad essere molto meno consistenti rispetto ai verdi. Le quotate peggiori sono state Intesa SP e Pirelli.

Ed ecco i numeri della seduta che, come siamo soliti ripetere sempre, consentono di fotografare la situazione meglio di tutte le parole. Il Ftse Mib alle ore 17,30 segnava un rialzo dell’1,2 per cento a quota 22035 punti.

Tra le quotate in verde a fare meglio sono state:

  • Telecom Italia: +5,7 per cento a 0,19 euro
  • Leonardo: +5,54 per cento a 8,15 euro
  • Iveco: +4,08 per cento a 5,15 euro

Ecco invece i titoli più in ribasso:

  • Intesa SP: -0,7 per cento a 1,83 euro
  • Pirelli: -0,54 per cento a 3,75 euro
  • Hera: -0,21 per cento a 2,34 euro

Spostandoci fuori dal paniere di riferimento di Piazza Affari segnaliamo il nuovo ribasso di Monte dei Paschi di Siena (-2,4 per cento il parziale). La quotata senese viene da un periodo di alta volatilità in vista del lancio dell’indispensabile aumento di capitale.

Borsa Italiana oggi 21 settembre 2022: pre market

Cosa attendersi dall’apertura di Borsa Italiana oggi 21 settembre 2022? Ci sarà una prevalenza di segni positivi oppure a dettare il ritmo saranno le vendite? Tanto per iniziare va messo in evidenza che quella di oggi non sarà una giornata come tutte le altre sia per la borsa di Milano che per le altre borse europee. Riteniamo possa essere molto probabile che il clima di attesa per le decisioni di politica monetaria della FED possa impattare sull’umore degli investitori.

Il rialzo consistente dei tassi FED è scontato mentre meno scontate sono le indicazioni che la banca centrale Usa potrebbe dare sulle sue intenzioni per i prossimi mesi. Riteniamo sia probabile che proprio su questa seconda incertezza possa innescarsi una certa volatilità tra l’altro destinata a durare per tutta la seduta visto che le decisioni di politica monetaria della FED saranno rese note nella serata (italiana).

Ciò premesso andiamo a vedere quali indicazioni si possono desumere da andamento dei futures e prestazioni delle borse di riferimento (vale a dire Tokyo nella sessione di oggi e Wall Street in quella di ieri). Per quello che riguarda i contratti derivati, essi non si discostano molto dalla parità e questo è un chiarissimo segnale circa la pressochè certezza che oggi Piazza Affari possa aprire senza grandi variazioni di prezzo in attesa delle decisioni della Federal Reserve sui tassi.

L’ipotesi prudenziale è anche sostenuta dalle performance dei mercati di riferimento. La borsa di Tokyo ha chiuso la seduta di metà settimana con il Nikkei in ribasso dell’1,35 per cento a quota 27313 punti. Per quello che invece riguarda Wall Street, la sessione di ieri non è stata affatto entusiasmante per il mercato azionario Usa. Sempre a causa del clima di attesa per le decisioni della FED, la borsa di New York ha mandato in archivio le contrattazioni con ribassi nell’ordine di 1 punto percentuale. Nel dettaglio l’indice Dow Jones ha lasciato sul terreno l’1,01 per cento a 30.706 punti; il paniere S&P 500 ha perso l’1,13 per cento scendendo a quota 3.856 punti e il Nasdaq ha chiuso la seduta con una flessione dello 0,95 per cento a 11.425 punti.

Prima di andare alla ricerca delle quotate che oggi potrebbero registrare variazioni di prezzo sensibili, ricordiamo ai nostri lettori che una delle particolarità del CFD Trading è la possibilità di fare trading anche quando i mercati sono in ribasso. Per imparare ad operare con lo short trading consigliamo di iniziare dal conto demo gratuito. Ad esempio c’è l’account dimostrativo eToro che può essere usato per esercitarsi (fino a 100 mila euro virtuali subito disponibili).

Scopri qui eToro>>> account gratis e 100.000 euro virtuali per imparare a fare CFD trading

etoro demo gratuito

Borsa Italiana oggi 21 settembre 2022: titoli più interessanti

E vediamo adesso quali potrebbe essere le quotate da tenere d’occhio nella sessione odierna di borsa. Spunti interessano il titolo Unicredit. Durante una intervista rilasciata al quotidiano tedesco Handelsblatt il numero uno dell’istituto, Andrea Orcel, ha fatto riferimento ad eventuali operazioni straordinarie affermando che non è da escludere che il titolo possa crescere proprio in Germania. Parallelamente Piazza Gae Aulenti ha reso noto di aver proceduto con la definizione delle modalità attuative per l’esecuzione della seconda tranche del programma di acquisto di azioni proprie (buy back) per un ammontare massimo pari a un miliardo di euro e per un numero di azioni ordinarie Unicredit non superiore a 200.000.000.

Oltre al titolo Unicredit, altra quotata che oggi dovrebbe essere tenuta d’occhio è Monte dei Paschi. La banca senese è da giorni al centro di una volatilità estrema. In primo piano c’è sempre la questione dell’aumento di capitale che, stando alle ultime indiscrezioni, dovrebbe essere lanciato a breve e dovrebbe essere rapido. Intanto giorno 26 settembre MPS procederà con il raggruppamento azionario, un’operazione di semplificazione che è appunto propedeutica al progetto di ricapitalizzazione.

Per finire, un occhio di riguardo dovrebbe essere rivolto anche alle azioni OVS. La quotata ha diffuso i conti del primo semestre 2022/2023 che si è chiuso con ricavi per 705,8 milioni di euro, in aumento del 17,8 per cento rispetto ai 599,2 milioni realizzati nello stesso periodo di un anno fa e con un margine operativo lordo rettificato che è salito da 60,1 milioni a 82,3 milioni di euro evidenziando una dinamica positiva del 36,9 per cento.

A proposito di azioni ricordiamo che il broker eToro consente di fare trading online sulle azioni senza commissioni. Con eToro, inoltre, il deposito minimo richiesto per iniziare ad operare è pari a soli 50 dollari.

Clicca qui per andare sul sito ufficiale eToro>>>

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Avviso di rischio - Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.