Borsainside.com

Borsa Italiana Oggi (9 ottobre 2020): FTSE MIB verso chiusura in parità

borsa

Mentre si fanno i primi calcoli sulle sinergie dell'integrazione con Euronext, il FTSE MIB viaggia verso chiusura in parità.

Dopo un tentativo di spinta in primo pomeriggio, l’indice FTSE MIB sembra avviarsi verso una chiusura in parità. Intanto, la Borsa di Wall Street apre positiva, con il Dow Jones che guadagna lo 0,41% 28.545,61 punti, il Nasdaq che cresce dello 0,60% a 11.485,08 punti e lo S&P 500 che sale dello 0,51% a 3.464,58 punti.

✅ AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

AVATRADE: Trading in sicurezza e senza commissioni su +500 strumenti finanziari con con un broker regolamentato MiFID II. MT4/5, WebTrading e Mobile APP. — Prova con un conto Demo gratuito +100.000€ virtuali  >>

Commento del pomeriggio

Dopo una mattinata in affanno, Borsa Italiana torna a vantare un segno positivo, con un incremento pomeridiano dello 0,47% a quota 19.615 punti.

Tra i titoli in maggiore risalto troviamo Atlantia, in incremento di oltre 4 punti percentuali anche in virtù di quanto sta accadendo intorno al business Autostrade. Bene anche Azimut Holding, di cui abbiamo parlato oggi nel nostro sito in relazione ai buoni dati di raccolta, così come Banca Mediolanum e CNH Industrial, vicini al 3%.

Tra i titoli ancora negativi, nel listino principale il peggiore è Pirelli, in buona parte per correzione del buon esito delle negoziazioni di ieri.

Commento di fine mattina

L’indice FSTE MIB cerca di rialzare la testa a metà sessione, con l’indicatore di maggiore rappresentatività della Borsa milanese in flessione dello 0,17% a 19.490 punti. il listino si conferma piuttosto frammentato nel suo andamento “interno”, e continua a prevalere il buon andamento di CNH Industrial (+ 3,16%) e di Azimut Holding (+ 2,61%).

Tra le prestazioni di maggiore calo c’è ancora Pirelli, - 2,81%. In questo caso, tuttavia, c’è l’evidente comportamento di una buona platea di azionisti che sta cercando di prendere beneficio dopo la corsa di ieri, a seguito della raccomandazione di acquisto e del rialzo del target price da parte degli analisti di Main First.

Per quanto attiene il calo di Ferrari, - 1,36%, in questo caso la causa sembra da ricercarsi nel timore di un raddoppio del malus fiscale in Francia, che potrebbe tradursi in una tassa fino a 50.000 euro per le auto di extralusso ad elevate emissioni inquinanti.

Intanto, lo spread tra Btp e Bund è in calo a 1267,2 punti, mentre il rendimento dei titoli decennali è su nuovi minimi allo 0,729%, in calo di 2,17 punti base. Di nuovo in flessione il greggio, che scende sotto quota 41 dollari.

Commento di metà mattina

A metà mattina l’indice FTSE MIB vira in territorio negativo, dopo una partenza in lieve incremento. L’indice perde infatti lo 0,27% a quota 19.470 punti, con un listino che si caratterizza per una elevata eterogeneità di andamento: 22 titoli hanno infatti una prestazione in calo, 18 in incremento.

Tra questi ultimi notiamo il buon balzo in avanti di CNH Industrial (+ 3,16%) e di Azimut Holding (+ 2,07%). Tra i primi, prevale il segno negativo di Pirelli (- 2,66%) e quello di Ferrari (- 1,49%).

Intanto, continuano a tenere banco, oggi, i commenti e le valutazioni inerenti quanto accaduto in termini di operazione straordinaria intorno a Piazza Affari. L’Ansa ricordava che negli ultimi 10 anni Borsa Italiana ha visto incrementare il numero di società quotate, con 258 nuove società ammesse a quotazione, di cui 271 con offerta pubblica. Si è dunque passati da 296 società a 3678 di fine settembre 2020, al netto dei deflussi.

Il numero di società quotate nell’Aim è invece passato da sole 5 unità a fine 2009 a 218 di oggi. Sono 17 le società che hanno effettuato il passaggio a Mta, consolidando così la loro posizione sul mercato.

Commento di apertura

La Borsa Italiana oggi apre in lieve rialzo, senza offrire grandi spunti di direzionalità e con un listino piuttosto frammentato.

Prevalgono in apertura le dichiarazioni sul prossimo trasferimento di proprietà di Borsa Italiana e, in particolar modo, l’impressione – riportata da un comunicato Ansa – che attraverso l’aggregazione fra Euronext e Borsa Italiana si possano apportare vantaggi significativi per gli azionisti. L’operazione dovrebbe infatti comportare un incremento dell’equity per share adjusted immediatamente, e si stima che si potrà realizzare una crescita a doppia cifra nel terzo anno post – sinergie.

Il gruppo che risulterà dall’aggregazione dovrebbe realizzare sinergie a regime, al lordo delle imposte, per circa 60 milioni di euro l’anno entro il terzo anno.

Di questi 60 milioni di euro, circa i tre quarti sarà rappresentato da sinergie di costo, principalmente dalla migrazione dei mercati di cash equity e di derivati di Borsa Italiana verso la piattaforma di trading proprietaria di Euronext.

Ne deriva che le sinergie di ricavo sono attese per circa 15 milioni di euro, generate dal lancio di un pool di liquidità e del portafoglio unico ordini di Euronext nel nostro Paese, oltre allo sviluppo delle offerte, del cross selling di prodotti e dall’ampliamento della proposta di analisi e di dati.

I costi di ristrutturazione delle sinergie dovrebbero ammontare a 100 milioni di euro.

L’occasione ci è naturalmente utile per ricordare che su tutte le azioni del FTSE MIB è possibile investire con il CFD Trading che puoi ad esempio trovare su un operatore di qualità come il broker IG (leggi qui la recensione): aprendo un conto gratis avrai subito la demo gratuita da 30mila euro per imparare ad operare senza correre il rischio di perdere soldi reali.

>>> Demo IG gratis: subito per te €30.000 virtuali per testare la piattaforma

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Trading senza rischi, fondi virtuali di 100.000 Euro.
Broker Caratteristiche Vantaggi Apri Conto Demo
eToro
  • Licenza: CySEC – FCA – ASIC
  • Social Trading
  • Deposito min: 200 $
Piattaforma N.1 al mondo per il Social Trading Prova Gratis eToro opinioni
AvaTrade
  • Broker con più regolamentazioni
  • Copy trading
  • Segnali di Trading
Trading CFD e con le opzioni vanilla Prova Gratis AvaTrade opinioni
ROInvesting
  • Licenza: CySEC
  • Sponsor A.C. Milan
  • Investi con Paypal
Formazione Trader Prova Gratis ROInvesting opinioni
Markets.com
  • Trading CFD con Marketsx
  • Metatrader 4 e 5;
  • Negoziazione di azioni con Marketsi
Ampia scelta di asset e piattaforme Prova Gratis Markets.com opinioni

* Trading in CFD. Il tuo capitale è a rischio.

Miglior Broker Consigliato

etoro
Plus500

Reagisci alla volatilità dei mercati

Il sell-off del mercato globale continua con l'evolversi di una potenziale crisi finanziaria e occasioni di acquisto/entrata sui mercati finanziari.

Non perdere la tua prossima opportunità:

Usa i nostri strumenti e caratteristiche avanzate per acquisire il controllo del tuo conto:

PROVA GRATIS