Borsa Italiana Oggi 3 novembre 2021: Milano si avvia verso chiusura positiva in attesa delle novità dalla Fed

Nel pomeriggio Milano si conferma la migliore delle principali piazze finanziarie europee, preparandosi a chiudere la sessione pre-comunicato Fed con un salto di mezzo punto percentuale.

Il commento della mattina

La mattina ha proceduto in ordine sparso per le principali piazze azionarie europee, con Milano che si erge tuttavia come best performer davanti alla Borsa di Parigi (+ 0,2%) e a quella di Francoforte (+ 0,08%), mentre sono ancora in calo Londra (- 0,3%) e Madrid (- 0,9%). Su Londra pesa la pubblicazione dei dati PMI servizi di ottobre, a 59,1 punti, contro 58 punti di preliminare e un composito a 57,8 punti e un preliminare a 56,8 punti.

Al netto di qualche dato macro, il principale mover di oggi sembra essere l’attesa per la riunione della Fed. Intanto, la presidente Bce Christine Lagarde è intervenuta contro un eventuale rialzo dei tassi dopo che l’indice PMI manifatturiero di ottobre per l’Eurozona è sceso a 58,3 punti, ilminimo da 8 mesi a questa parte.

Già a metà mattina Milano era tra le migliori piazze azionarie del vecchio Continente, trascinata dalla singola prestazione di alcuni titoli che hanno ottenuto ottima accoglienza post-trimestrale, come Ferrari (+ 5,35%).

Complessivamente, però, le Borse europee sono deboli nel giorno in cui si attendono le decisioni della Fed, con gli analisti che guardano con attenzione alle potenziali notizie sul tapering, ovvero alle restrizioni sulla politica di supporto lanciata con la pandemia. Sembrano invece calare i timori sull’inflazione. In calo anche il prezzo del petrolio, il giorno dopo in cui il presidente USA Joe Biden ha domandato all’Opec+ di aumentare la produzione per calmierare i prezzi, dopo le pressioni già messe in atto dagli USA in occasione del G20.

Azioni Ferrari oggi

Come anticipato, il buon trend delle azioni Ferrari è il frutto della positiva accoglienza dei dati trimestrali pubblicati ieri. La compagnia ha chiuso il trimestre con ricavi netti in aumento a 1,05 miliardi di euro, in crescita del 18,6% su base annua e del 15,1% rispetto al terzo trimestre 2019. Le consegne totali sono state 2.750, in aumento del 18,9% rispetto al terzo trimestre 2020 e dell’11,2% rispetto al terzo trimestre 2019. L’utile netto è pari a 207 milioni di euro, in aumento del 21%.

Ferrari ha inoltre rivisto al rialzo le stime, “a condizione che l’operatività non sia impattata da restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19 e sulla base delle seguenti ipotesi: core business sostenuto da volumi e mix; ricavi da attività legate alla Formula 1 in linea con il calendario di gare atteso e che riflettono il posizionamento inferiore nel campionato del 2020 rispetto all’anno precedente; attività legate al marchio condizionate dall’evoluzione del Covid-19; spese operative e di marketing in graduale aumento; free cash flow industriale sostenuto dal miglioramento del capitale circolante netto”.

Infine, è stata confermata la prima auto elettrica Ferrari nel 2025.

Il commento di apertura

Il FTSE MIB, come tutti i principali indici di Borsa europei, parte debole nella giornata del 3 novembre 2021. I mercati sembrano infatti attendere notizie da parte del meeting della Federal Reserve, dando comunque per scontato l’annuncio di un tapering che, con una riduzione del ritmo degli acquisti da 15 miliardi di dollari al mese, potrebbe prendere il via entro novembre o dicembre, per concludersi dopo sei mesi.

Tuttavia, l’attenzione degli operatori sembra essere indirizzata prevalentemente alla ricerca di indizi che possano determinare il percorso del rialzo dei tassi di interessi Fed, previsto per il 2022 o il 2023. Dunque, la massima concentrazione sarà orientata sulle parole del numero 1 della Fed, Jerome Powell, prevista per le 19.30.

Alle 9.00 l’indice FTSE MIB parte con una variazione del – 0,06% a 27.030 punti. Tra i titoli con la partenza più negativa troviamo Telecom Italia (- 0,82%), Unicredit (- 0,74%) e Atlantia (- 0,73%). Buona la partenza, invece, per Ferrari (+ 1,55%), reduce dai conti trimestrali.

Cogliamo l’occasione per ricordare che per investire su questi e altri titoli dei mercati azionari italiani ed europei da una sola piattaforma, si può prendere in considerazione la possibilità di operare con il broker eToro (qui la nostra recensione). Tra i vantaggi della piattaforma anche la possibilità di iniziare a fare trading con un deposito minimo iniziale di soli 50 euro.

Con eToro puoi investire in azioni con un deposito iniziale di 50 euro e la demo è gratis>>>clicca qui

Migliori Broker Trading

1
eToro
Deposito minimo
50$
Il nostro punteggio
10
ETF - CRYPTO - CFD
Licenza: CySEC - FCA - ASIC
Social Trading
2
AvaTRade
Deposito minimo
100€
Il nostro punteggio
9
Servizio clienti Multi-Lingua
App Premiata AvaTradeGo
Trading Criptovalute 24/7 e oltre 1250 Asset
3
FP Markets
Deposito minimo
100 AUD
Il nostro punteggio
9
0.0 Spread in pip
Piattaforme e tecnologia di trading avanzate
Prezzi DMA (Direct Market Access) su IRESS
4
Dukascopy
Deposito minimo
100$
Il nostro punteggio
9
Licenza: FKTK
Forex e CFD
Deposito minimo: 100 dollari

I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdere denaro a causa della leva finanziaria. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Le ultime news su Borsa Italiana

Inizia a fare trade con Avatrade X

Avviso di rischio - Il 67-77% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD. Valuti se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.